Napolitano spiazza tutti e si affida a due gruppi di "saggi" - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Napolitano spiazza tutti e si affida a due gruppi di “saggi”

Il presidente Giorgio Napolitano ha nominato due gruppi di saggi

Napolitano spiazza tutti e fa uscire dalcilindro non una soluzione della crisi perlomeno uno strumento inedito. Niente dimissioni anticipate ma due gruppi di saggi che cerchino per lui delle nuove proposte. Nel frattempo c’è un governo, dice il presidente, c’è Monti, perfettamente in grado di adottare le misure economiche d’emergenza che servono confrontandosi con il Parlamento, eletto e ansioso di esibirsi. Basterà?”Continuo ad esercitare fino all’ultimo il mio mandato, non nascondendo al Paese le difficoltà che sto ancora incontrando e ribadendo la mia fiducia nella possibilità di un responsabile superamento della situazione che l’Italia attraversa”, ha affermato il presidentenell’attesa conferenza stampa al Quirinale, dopo la riflessione seguita alle consultazioni di ieri. Mentre si avvicina l’elezione del nuovo capo dello Stato “sono giunto alla conclusione che, pur essendo ormai assai limitate le mie possibilità di ulteriore iniziativa” per un nuovo Governo, “posso fino all’ultimo giorno” aiutare a “sbloccare una situazione irrigidita tra posizioni inconciliabili”. Napolitano dunque chiederà a “due gruppi ristretti di personalità” ( scheletro di un futuro eventuale governo del presidente?), di formulare su temi istituzionali e economico-sociali, “precise proposte programmatiche oggetto di condivisione” da parte delle forze politiche, in vista di un possibile governo. I nomi dei “gruppi ristretti di personalità” saranno scelti dal presidenti della Repubblica “in piena autonomia”- verrano resi noti quanto prima – e per loro non è stata indicata una scadenza per il termine del loro lavoro.
I due gruppi ristretti voluti dal presidente Napolitano avranno un carattere “uno politico istituzionale e l’altro economico-sociale” e si insedieranno martedì prossimo. Prepareranno un rapporto – si è appreso – che verrà presentato o a Napolitano o al presidente che verrà dopo di lui e il loro lavoro potrà anche essere una sorta di base programmatica per il nuovo governo.”Devo ancora una volta sottolineare l’esigenza che da parte di tutti i soggetti politici si esprima piena consapevolezza della gravità e urgenza dei problemi del Paese” per cui serve “un accentuato senso di responsabilità” per formare “un valido Governo” in tempi brevi. Il Govern o Monti è “operativo” e “sta per adottare provvedimenti urgenti per l’economia”, d’intesa con la UE e con “il contributo del nuovo Parlamento”, ha assicurato il presidente. “Non può sfuggire agli italiani e alla opinione internazionale che un elemento di concreta certezza della situazione del nostro Paese è rappresentato dalla operatività del nostro governo tutt’ora in carica e non sfiduciato dal Parlamento”, ha detto Napolitano. Il Governo sta per adottare provvedimenti urgenti per l’economia, d’intesa con la Ue e con l’essenziale contributo del nuovo Parlamento attraverso i lavori della commissione speciale presieduta dall’onorevole Giorgetti”, ha proseguito il Capo dello Stato.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login