Serrata degli ambulatori e laboratori privati, “chiudere un giorno per non morire” - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Serrata degli ambulatori e laboratori privati, “chiudere un giorno per non morire”

lab privE’ indetta per domani, 22 ottobre, la serrata di 24 ore degli ambulatori e laboratori sanitari privati accreditati “per difendere i livelli occupazionali della categoria, il ruolo e la funzione della rete territoriale delle strutture private accreditate, l’equiparazione tra pubblico e privato, i livelli essenziali di assistenza e la giusta remunerazione delle prestazioni”. L’iniziativa, dal titolo “Chiudere un giorno per non chiudere? per sempre”, e’ annunciata dalle sigle del settore, FederLab Italia, Aiop (Associazione Italiana Ospedalita’ Privata) e FederAnisap (Federazione Nazionale delle Associazioni Regionali Istituzioni Sanitarie Ambulatoriali Private) e coinvolgera’ circa 1.000 strutture sul territorio nazionale.  La manifestazione si svolgera’ in concomitanza con l’Assemblea Nazionale delle strutture sanitarie accreditate che, a partire dalle ore 10.00, ospitera’ nella Sala Grande Foyer dell’Auditorium della Conciliazione (via della Conciliazione, Roma) una tavola rotonda di esperti e professionisti del comparto sanita’. Saranno presenti al tavolo Francesco Saverio Mennini, docente di Economia sanitaria dell’Universita’ Tor Vergata di Roma, Arturo Umberto Meo, libero docente di Diritto Civile, Guerino Fares, docente di Diritto sanitario dell’Universita’ di Roma Tre, Gabriele Pelissero, presidente nazionale dell’Aiop e Vincenzo Panarella, presidente nazionale di FederAnisap. Tra gli ospiti della manifestazione, Massimo Scaccabarozzi, presidente nazionale di Farmindustria, Ermanno Calcatelli, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, Amedeo Bianco presidente della Federazione Ordine dei Medici (Fnomceo), Guido Riva, presidente del “Comitato tecnico Sanita’” di Confindustria, nonche’ numerosi parlamentari componenti delle Commissioni Sanita’ di Camera e Senato. E’ annunciata la partec ipazione del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Dobbiamo rappresentare al ministro Lorenzin, con dati tecnici e scientifici, l’inapplicabilita’ delle tariffe adottate dall’ex ministro Balduzzi, che mettono seriamente a repentaglio la sopravvivenza di migliaia di piccoli e medi laboratori di analisi e minacciano i posti di lavoro di professionisti – medici, biologi e chimici – operanti in strutture accreditate con il Servizio sanitario nazionale”, ha dichiarato Vincenzo D’Anna, presidente nazionale di FederLab Italia e componente della XII Commissione “Igiene e Sanita’”, cui saranno affidate le conclusioni del tavolo di discussione.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login