Unisalute, per il 68% dei romani attese troppo lunghe nel pubblico - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Unisalute, per il 68% dei romani attese troppo lunghe nel pubblico

listeTempi troppo lunghi di attesa per poter prenotare una visita o un esame. Questo di gran lunga il principale motivo di lamentela dei   romani quando si rivolgono al Sistema sanitario nazionale. La pensa   così il 68% dei cittadini della Capitale, stando all’ultima indagine   realizzata dall’Osservatorio Sanità di UniSalute, compagnia del   gruppo Unipol specializzata in assistenza e assicurazione sanitaria.   Per più di due romani su tre è dunque questo l’aspetto su cui   vorrebbero che l’offerta pubblica migliorasse. Un’esigenza manifestata  in particolar modo dagli uomini (76%) e dagli over 45 intervistati   (76%).

Cosa altro migliorerebbero nella Capitale del servizio pubblico?  Il 14% indica come principale necessità quella di maggiori posti   letto a disposizione mentre il 13% vorrebbe più strutture   all’avanguardia. Minori tempi d’attesa una priorità dunque, ed è   proprio sotto questa voce che le strutture mediche private segnano un   goal: il 64% dei capitolini ne apprezza i tempi più rapidi per   usufruire di una prestazione. Il 19% degli intervistati segnala invece  come principale aspetto in cui il privato vince sul pubblico il fatto   di fornire strutture più pulite, mentre il 7% vede nel personale   medico più qualificato la principale qualità dell’offerta privata.

Cosa piace invece delle strutture pubbliche? Un romano su tre   (34%) apprezza in particolare il fatto che l’offerta pubblica   garantisca a tutti il diritto alla salute, visto come diritto   fondamentale dell’uomo. Il 20% si sente maggiormente seguito nel   pubblico, mentre il fatto che le prestazioni siano erogate   gratuitamente o a prezzi contenuti trova i favori del 19% dei   rispondenti, aspetto che acquista ancor più rilevanza in un contesto   di crisi economica. Il 16% considera il personale medico operante   nelle strutture pubbliche più qualificato mentre l’11% apprezza la   presenza capillare sul territorio e la sicurezza quindi, di poter   trovare strutture in grado di prestare assistenza medica qualificata   ovunque ci si trovi.

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login