Saldi, via ufficiale ai saldi il 4 gennaio. Ma gli sconti sono già partiti - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Saldi, via ufficiale ai saldi il 4 gennaio. Ma gli sconti sono già partiti

saodiChi ha atteso i saldi per lo shopping invernale, dovrà aspettare ancora solo qualche giorno: nel Lazio le svendite, di fatto già partite, inizieranno ufficialmente il primo sabato di gennaio, il 4 per l’esattezza. Lo ha deciso il Consiglio regionale che oggi ha approvato, all’unanimità, la proposta di legge regionale 112 del 12 dicembre 2013, che apporta alcune modifiche alla legge del 1999. I tempi cambiano, le normative si adeguano. Insomma la Regione è in linea con tutte, o quasi, le altre città italiane. Fa da apripista la Campania che inaugura la stagione degli sconti già il 2 gennaio. Sono lontani i tempi in cui i saldi partivano una settimana dopo l’Epifania. Ora per fronteggiare la crisi e, l’ormai inarrestabile, calo dei consumi, ecco che si cerca di venire incontro ai commercianti. “Il fine della proposta di legge è quello di stabilire un’unica data nazionale certa – spiega il presidente democrat della Commissione commercio Mario Ciarla, primo firmatario del testo – in questo modo gli operatori possono organizzare con più efficienza la propria attività, programmando con largo anticipo le strategie di vendita”. All’iniziativa hanno aderito anche i consiglieri: Mario Abbruzzese (Pdl) e Pietro Di Paolantonio (Ncd). La modifica della data di inizio dei saldi 2014 è stata proposta per consentire alla Regione di rispettare le date fissate nella Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 24 marzo 2011, cui ha aderito il Lazio. Il documento stabilisce che i saldi inizino, per il periodo invernale. dal primo giorno feriale antecedente l’Epifania e, per il periodo estivo, dal primo sabato del mese di luglio. E dall’anno prossimo sarà una delibera della Giunta a stabilire annualmente le date di inizio dei saldi. Il giorno di via era stato all’inizio fissato per il 5 gennaio ma per non lasciare il Lazio come fanalino di coda nei saldi è stato deciso di allineare le date in tutta Italia. “Non possiamo negare che i saldi così come sono non funzionano né per i cittadini, né per le categorie – dice di Paoloantonio – non va esclusa la loro liberalizzazione purché accompagnata da controlli rigidi”. Soddisfatto l’assessore regionale al Commercio, Guido Fabiani: “È una risposta concreta e importante per il mondo del commercio”. E aggiunge Massimiliano De Toma, presidente FedermodaConfcommercio: “In questo periodo, prima si fanno meglio è”.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login