IL PUNTO/Dai minori alle farmacie, commissario senza “trasparenza” - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

IL PUNTO/Dai minori alle farmacie, commissario senza “trasparenza”

francesco-alvaro-xxxx2Ma chi è Francesco Alvaro da oggi nominato commissario straordinario di Farmacap, agenzia comunale che gestisce l’attività di 44 farmacie comunali? Si tratta di una materia delicata in quanto la struttura presenta un bilancio in rosso di 15 milioni di euro ripianato da un paio di giorni coi soldi di Roma Capitale (grazie al decreto Salva Roma). Per quanto riguarda il neo commissario Farmacap si può affermare che non esiste un curriculum su questo personaggio pubblico. O, almeno, quello che per definizione si chiama tale, in formato europeo. Lo è, personaggio, perché è stato direttore del dipartimento V del comune di Roma prima di essere nominato (sempre dal Pd) alla Regione Lazio nel 2007 nel ruolo prestigiosissimo di Garante dell’Infanzia e dell’adolescenza, poltrona che tuttora ricopre. Non si sa quanto percepisca dalla Regione Lazio: alla faccia della legge sulla cosiddetta Trasparenza. Sul sito web della Regione Lazio non appare neppure l’atto di nomina, figuriamoci la retribuzione. In sette anni il Garante dell’Infanzia Alvaro ha prodotto due report sui minori e seguito cinque progetti ministeriali. Non si sa con quali risultati vista la delicata questione dei bambini tolti alle famiglie di origine dal tribunale dei minori e posti in case famiglie. In compenso il garante Alvaro possiede un signor Ufficio con sei dipendenti e perfino un’addetta stampa. Il sindaco Marino nel comunicato stampa inviato stasera ai media per far conoscere la nomina caduta su l’ex dipendente del comune, in sostituzione del prof. Saraceni (dimessosi da presidente Farmacap qualche giorno fa) continua nell’ostinato comportamento di non informare i cittadini. Nel comunicato del Campidoglio si sottolinea che l’incarico del commissario Farmacap sarà a titolo gratuito – in effetti deve essere così perché sarebbe contro legge la doppia retribuzione da parte della pubblica amministrazione (Regione Lazio e Comune di Roma) nei confronti appunto di Francesco Alvaro, sicuramente anche pensionato Inps. Altro dato curioso non si sa quanti anni ha il neo commissario Farmacap. Ma queste informazioni non sono alla luce del giorno perché gli amministratori di Roma capitale “dimenticano” di far sapere alla pubblica opinione le anomalie di certe scelte. E questo modus operandi – certo – non fa bene a quella che si definisce una politica democratica. Giuseppe Cecchini

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login