Quel centro è un gioiello. Ma non basta - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Quel centro è un gioiello. Ma non basta

Odontoiatria sociale all'Umberto I non copre il "buco" dell'offerta pubblica. Intanto chiude L'Eastman?

odontoiatria-generaleUna goccia nel mare,  Il governo della sanità pubblica vuol colmare il “buco” nei servizi odontoiatrici con il  nuovo centro di odontoiatria sociale al policlinico Umberto di Roma, ma già si prepara a chiudere l’unico ospedale pubblico dedicato, e cioè l’Eastman. Una visione schizofrenica delle cose? Quella del Policlinico in ogni caso è la più grande clinica odontoiatrica pubblica in Italia, con la quale  la Regione intende garantire anche ai cittadini che non hanno le risorse economiche necessarie la possibilità di curarsi al meglio. Il centro, che dispone in tutto di 65 poltrone odontoiatriche, è disposto su 3 piani dedicati alle diverse specialità. Ne servirebbero almeno una dozzina, tra capitale e province, perché la “risposta” sia veramente efficace e rispondente alle esigenze del territorio. Intanto capitalizziamo questa piccola risorsa. Quali servizi si possono trovare in questa struttura? Scorriamo rapidamente il menù dei servizi
Un reparto dedicato ai bambini /  Dispone di 10 poltrone, tutte dotate di monitor, per intrattenere i piccoli pazienti con film di animazione. L’area è dotata anche di un percorso dedicato a bisogni speciali ed è inoltre presente anche un’unità operativa rivolta ai bambini con disturbi autistici. Endodonzia conservativa/ Una sezione del centro è dedicata a questa branca per la conservazione di denti altrimenti condannati all’estrazione.
Chirurgia orale/ Riservata alle diverse tipologie di interventi: dalle estrazioni dentali complicate alle cisti di origine dentaria e non dentaria, fino alle lesioni mascellari benigne e maligne.
Cardiopatici e diabetici/Per questi pazienti a rischio sono presenti 6 poltrone nel reparto specializzato
Chirurgia conservativa/Per la cura di patologie orali e per la diagnosi precoce del carcinoma orale. Questo reparto, dedicato agli adulti, prenderà in cura anche malati affetti da patologie rare come l’osteogenesi imperfetta: questi pazienti saranno curati in collaborazione con il team maxillo-facciale. Dispone in tutto di dieci postazioni.
Correzione della malformazioni dento-maxillo-facciali/ Questa sezione lavora in collaborazione con l’equipe di chirurgia maxillo-facciale.
Un laboratorio odontotecnico  e un reparto per le protesi/ Si tratta di alcune attività di riabilitazione che seguono, per esempio, l’inserimento di un impianto protesico. Questo reparto lavora a stretto contatto con i professionisti dell’area maxillo-facciale, anche per il trattamento di pazienti oncologici o traumatizzati che non solo hanno perso il supporto dentale ma anche quello dell’osso.
Day hospital/Per soddisfare le esigenze dei pazienti che necessitano di monitoraggio anestesiologico. Questa area dispone di 3 poltrone e 6 posti letto.

Per accedere alla prima visita basta andare senza appuntamento con la ricetta del medico, pagare il ticket o, se si esenti, fare in ogni caso l’accettazione presso le casse del Cup, e attendere di essere chiamati. Dopo la prima visita i medici indirizzeranno  il paziente nel canale dedicato. In poche parole, un piccolo gioiello. Sulla carta.
Francesco Vitale
email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login