Da domani al cinema il dramma-thriller ispirato al caso delle Bestie di Satana - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Da domani al cinema il dramma-thriller ispirato al caso delle Bestie di Satana

Anteprima al Cinema Adriano a Roma

Emanuele Cerman e Stefano Calvagna in una scena del film

Emanuele Cerman e Stefano Calvagna in una scena del film

Esce nelle sale italiane e nel circuito di Distribuzione Indipendente in nomine Satan, opera prima del regista Emanuele Cerman ispirata al caso delle Bestie di Satana, gruppo dedito al satanismo che, tra il 1998 e il 2004, ha insanguinato la zona del Varese con orrori ed efferati delitti. Nella prima settimana d’uscita il film toccherà 21 schermi e 11 regioni. I dati sono in costante aggiornamento.

Giovedì 24 aprile, a partire dalle ore 20:40 presso il Cinema Adriano (Piazza Cavour, 22 – Roma), si terrà la prima ufficiale del film alla presenza del regista Emanuele Cerman e degli attori Stefano Calvagna, Mattia Mor, Federico Palmieri, Tiziano Mariani, Francesca Viscardi, Fabrizio Raggi, Maria Tona, Virginia Dorothy Gherardini, Fabiano Lioi, Manuela Torres, Fabio Farronato, Giulia Morgani. Prevista proiezione e incontro con il cast. Ospiti speciali della serata: Loredana Cannata, Kristina Cepraga, Ivano De Matteo, Massimo Ferrero, Beppe Convertini, Lidia Vitale, Marco Poccioni, Flavia Frazzi.

Due agenti dell’antidroga ritrovano un ragazzo e una ragazza in stato di shock, strafatti di droghe, alcol e psicofarmaci. Quando iniziano le indagini, gli inquirenti scoprono che i due sono coinvolti nell’omicidio di Angela De Rosa, una loro amica. Un massacro privo di logica, che porterà alla luce una realtà sino ad allora sconosciuta ai più, quella del satanismo. Gli inquirenti dovranno fare i conti con ulteriori omicidi e ripetute istigazioni al suicidio, sempre attribuibili alla setta. Ispirato a una storia vera (quella delle Bestie di Satana), in nomine Satan è un dramma generazionale che dilania le vite di giovani e adulti, chiamando in causa anche le responsabilità della società.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login