Al piano con le sorelle Labecque per concludere la stagione all’accademia filarmonica romana - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Al piano con le sorelle Labecque per concludere la stagione all’accademia filarmonica romana

labequeE’ affidata a Katia e Marielle Labeque la conclusione della stagione di concerti dell’Accademia Filarmonica Romana. L’appuntamento con le due scintillanti pianiste francesi, unite oltre che dai legami di sangue dalla passione per la musica e da una straordinaria sincronicità, è per giovedì 29 maggio alle 21 al Teatro Olimpico di Roma.
Due sorelle francesi ma per metà italiane – italiana infatti era la madre, anche lei pianista – con una predilezione speciale per il nostro paese e naturalmente per la musica. Nel prossimo concerto eseguiranno un programma interamente americano, che comprende i “Four Movements” di Philip Glass, “West Side Story” di Leonard Bernstein e i “Tre preludi per pianoforti” di George Gershwin, il compositore più amato dalle due che con l’incisione della “Rapsodia in blue” si sono aggiudicate, giorbvanissime, un disco d’oro. Insomma, un programma vivace e articolato, un vero e proprio divertissment musicale grazie al quale Katia e Marielle Labeque potranno mettere in mostra tutte le loro abilità. Perché, anche se è difficile immaginare l’una senza l’altra al pianoforte, pure le due hanno sensibilità musicali e caratteristiche artistiche molto diverse: dinamica, vitale, elettrizzante Katia con il suo stile travolgente. Più riflessiva e classica Marielle, di due anni più giovane. La loro forza sta proprio nel riuscire a fondere le diverse inclinazioni, trasformandole in esecuzioni armoniche e vitalissime. Per questa ragione le due pianiste sono ospiti regolari delle orchestre più prestigiose: hanno suonato, fra l’altro, con i Berliner Philharmoniker, con l’Orchestra Sinfonica della Bayerischer Rundfunk, con le Orchestre Sinfoniche di Boston, Chicago e Cleveland, con i Wiener Philharmoniker e con l’Orchestra Filarmonica della Scala. Fra i direttori con cui hanno collaborato si annoverano Semyon Bychkov, sir Colin Davis, Charles Dutoit, sir John Eliot Gardiner, Migue Harth-Bedoya, Kristjan Jarvi, Zubin Mehta, Seiji Ozawa, Antonio Pappano, Georges Pretre, Sir Simon Ratte, Esa-Pekka Salonen, Leonard Slatkin e Michael Tilson-Thomas. Katia e Marielle Labèque suonano spesso anche il fortepiano con complessi di musica barocca quali The English Baroque Soloists, il Giardino Armonico con Giovanni Antonini, Musica Antica con Reinhard Goebel e i Venice Baroque con Andrea Marcon. Nel concerto romani del 29 giugno Katia e Marielle Labeque saranno accompagnate da Gonzalo Grau e Raphael Seguinier alle percussioni.

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login