I cani non possono entrare in spiaggia. E il Tar boccia il Comune | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Earth: “Comune bocciato dal Tar sulla spiaggia non libera per i cani”

cani in spiaggia«Spiagge libere di Roma aperte agli animali: lo ha stabilito il tribunale amministrativo regionale che ha accolto la sospensiva sul ricorso dell’associazione ambientalista Earth contro l’ordinanza del Comune di Roma che vietava ai <<conduttori di cani>> l’accesso alle spiagge libere dell’arenile romano dal 1° maggio al 30 settembre. I trasgressori avrebbero rischiato multe tra i 50 ed i 300 euro. Earth ha così proposto ricorso, ed i giudici hanno accolto la richiesta. L’ordinanza del Tar sospende quella di Marino, ha riconosciuto le ragioni dell’associazione: <<Il divieto di condurre e far permanere in spiaggia qualsiasi tipo di animale fatti salvi i tratti in concessione agli stabilimenti balneari che abbiano allestito aree attrezzate – si legge – appare ingiustificato e sproporzionato, soprattutto alla luce del fatto che il Comune è tuttora inadempiente all’obbligo di individuare tratti di arenile da destinare all’accoglienza di animali da compagnia>>: si tratta della legge regionale del 2006, che appunto prevede che ogni amministrazione individui sul proprio territorio spiagge per accogliere i cani. Il TAR ha poi imposto al Comune di individuare entro il 31 Luglio la spiaggia idonea allo scopo. Ma il Comune ha adempiuto?». Lo comunica, in una nota, l’associazione Earth. «Siamo stati raggiunti da centinaia di telefonate e proteste di persone che, avendo appreso della sentenza del Tar chiedevano quale fosse la spiaggia individuata – Spiega Valentina Coppola Presidente di Earth – Alcuni ci hanno spiegato di aver telefonato al Comune ed al Municipio X e di essere stati sballottati da un numero all’altro senza avere indicazioni precise. Dalle dichiarazioni stampa del Municipio X si evinceva addirittura che il 31 Luglio, l’ultimo giorno dell’ultimatum del Tar era stata firmata una ordinanza che assegnava (senza gara a quanto sembra) la gestione del tratto di spiaggia relativa al primo cancello di Castelporziano dove avrebbero dovuto sorgere recinzioni e servizi per i proprietari di animali domestici, ma coloro che vi si sono recati non solo non hanno trovato nulla, sono anche stati allontanati in malo modo». «Comune completamente inadempiente rispetto all’ordinanza del Tar quindi, cosa che non mancheremo di sottolineare all’udienza di merito del prossimo Ottobre»

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login