Ciao Cina, nasce a Roma il brand China friendly | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Ciao Cina, nasce a Roma il brand China friendly

Nasce il marchio «Ciao Cina», il nuovo brand di Confcommercio Roma che contraddistinguerà il primo circuito di negozi e strutture ricettive della Capitale specializzato nell’accoglienza del più grande bacino turistico mondiale, quello cinese. Per le imprese del commercio del turismo e dei servizi che vorranno entrare a far parte del circuito ed esporre nel proprio esercizio il logo, è partito questa mattina, presso la sede della Confcommercio di Roma un corso gratuito per ottenere l’attestazione «CIAO CINA». L’obiettivo è favorire l’accoglienza verso i turisti cinesi e promuovere in Cina i ristoranti, gli alberghi e i negozi della Capitale, inserendoli e pubblicizzandoli sul portale www.ciao-china.com indicizzato nei motori di ricerca cinesi. Si tratta della prima di una serie d’iniziative che riguarderanno anche altri mercati turistici emergenti. Gli imprenditori iscritti al corso sono già un centinaio, attivi soprattutto nei settori dell’accoglienza: hotel, residence e agriturismi ma anche abbigliamento e calzature, ristorazione, immobiliare, alimentare, gioielleria e antiquariato. «La nostra associazione ha come obiettivo principale quello di migliorare la qualità della vita della città e di chi la vive. ‘Ciao Cinà va proprio in questa direzione: punta, infatti, sia a favorire la fruibilità del nostro sistema commerciale da parte dei turisti cinesi, sempre più presenti nella Capitale, sia a facilitare il lavoro dei commercianti e di chi opera nel settore della ricettività», dichiara Rosario Cerra, presidente della Confcommercio di Roma e del Lazio. «D’altronde quello cinese – dice Cerra – è un bacino turistico in espansione nella Capitale e si prevede in ulteriore crescita in vista dell’Expo 2015 per il quale i tour operator cinesi hanno già acquistato mezzo milione di biglietti». «Oggi iniziamo con questo progetto rivolto al mercato cinese – osserva Cerra – ma è solo il punto di partenza da cui contiamo di raggiungere tutti i principali mercati che interagiscono con il nostro territorio».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login