Roma, sospesa la squalifica a Garcia: in panchina con il Milan. Accolto anche il ricorso di Holebas | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Roma, sospesa la squalifica a Garcia: in panchina con il Milan. Accolto anche il ricorso di Holebas

La Roma ritrova in un colpo solo Rudi Garcia e Jose Holebas per la sfida dello stadio Olimpico contro il Milan. Al tecnico francese è infatti stata sospesa dalla Corte Sportiva d’Appello l’esecutività della squalifica per due giornate inflittagli dal giudice sportivo per la «per condotta aggressiva e intimidatoria nei confronti di uno steward» nel post-partita col Genoa. Condotta che, stando alla lettera di precisazione inviata oggi alla società giallorossa dallo stesso steward che aveva denunciato l’episodio, non c’è mai stata. Nella nuova dichiarazione proveniente da Genova, ha spiegato il direttore generale Mauro Baldissoni, lo steward apporta infatti «una sostanziale rettifica di quello che aveva interpretato come possibile tentativo di schiaffo (da parte di Garcia, ndr) e che invece era un tentativo di strattonare il tunnel per aprire un camminamento a protezione dei giocatori su cui stavano piovendo bottiglie, monete e quant’altro. Capisco che nella concitazione del momento lo steward possa aver male interpretato, c’era tensione, evidentemente si è reso conto che non era una aggressione». Insomma tutto un malinteso, su cui però la Corte ha disposto ulteriori indagini trasmettendo il fascicolo con gli atti disponibili alla Procura Federale, «affinchè vengano accertati gli accadimenti oggetto di giudizio, acquisite le testimonianze eventualmente occorrenti». Testimonianze che comunque la Roma aveva già portato quest’oggi visto che nella sede della Corte si erano presentati oltre a Garcia anche i vice Bompard e Ficheaux, il team manager Scaglia, i preparatori Rongoni, Nanni, Scala, e il medico sociale Colautti. Nessuno dei tesserati di Trigoria è stato però ascoltato. Prima di recarsi davanti ai giudici, comunque, Garcia aveva dato l’impressione di aspettarsi un epilogo positivo visto il modo con cui aveva risposto in conferenza stampa sui fatti avvenuti nel tunnel di Marassi: «C’era una persona che non conosco ancora, che sembra essere uno steward, a cui prima ho dato una bastonata sul ginocchio, dopo ho preso la mia pistola e gli ho sparato una pallottola nel piede?a parte questo, niente». Tanta ironia quindi per provare a superare in fretta un episodio che lo ha profondamente amareggiato. Ma anche caricato: «Ascoltatemi bene – il suo messaggio – più ci daranno fastidio, più lotteremo. Più sarà difficile, più attaccheremo». «Se ho la stessa speranza dell’anno scorso di poter vincere con la Roma? Assolutamente sì, non cambia nulla – la convinzione del francese -. Siamo secondi in classifica, e domani faremo di tutto per tornare a -1 dalla Juve. Non cambia l’ambizione e la voglia che abbiamo di vincere dei titoli. Le parole di Nedved e le punzecchiate di Allegri? Non ho sentito e non me ne frega niente. Io parlo di cose di campo, giochiamo contro il Milan non contro un’altra squadra e voglio che i tutti miei giocatori siano concentrati solo su questo. Tutto il resto non mi interessa». Contro i rossoneri quindi Garcia si accomoderà regolarmente in panchina, e potrà schierare in campo il terzino Holabes visto che il ricorso contro il turno di stop inflitto per il gesto offensivo al pubblico di Marassi è stato accolto dalla Corte. Toccherà al greco, assieme ai compagni di reparto, limitare le giocate offensive del Milan, a cominciare da quelle di Menez. «Lo conosco benissimo, ha talento, giocate incredibili, è imprevedibile e quando prende la palla non si sa mai cosa succederà. Dovremo essere bravi a non fargli fare una grande partita – l’avvertimento di Garcia -. Il Milan è una grande squadra, per noi però è l’ultima dell’anno all’Olimpico e vogliamo fare di tutto per mettere i 3 punti sotto l’albero di Natale della Roma. Stiamo bene sul piano fisico e mentale, vogliamo davvero chiudere l’anno in bellezza

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login