San Giovanni, trovato morto in un palazzo occupato: sul corpo contusioni | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

San Giovanni, trovato morto in un palazzo occupato: sul corpo contusioni. Action: “Aveva gravi problemi neurologici”

– Un uomo di 35 anni nigeriano è stato trovato morto nell’abitazione dove viveva in uno stabile occupato di via Santa Croce in Gerusalemme, in zona San Giovanni a Roma. Secondo quanto si è appreso, l’uomo era sul letto in pigiama e avrebbe alcune contusioni che potrebbero essere compatibili con percosse. Sulla vicenda indaga la polizia. A quanto ricostruito lo straniero è stato visto rientrare a casa ieri sera da solo. Al momento non si esclude nessuna pista. – Secondo quanto si è appreso, a dare l’allarme alla polizia sono stati altri occupanti del palazzo che hanno sfondato la porta dell’appartamento visto che l’uomo non rispondeva. Lo straniero era sul letto, in pigiama, e avrebbe un occhio nero, contusioni alle braccia e graffi sul viso. Sulla vicenda indaga la polizia. -«In merito al ritrovamento del corpo deceduto nello stabile occupato di via di Santa Croce, si precisa che era un abitante dello stabile e bene inserito nella comunità che da un anno vive ed abita lo stabile vuoto e occupato. Da tempo questa persona soffriva di un grave deficit neurologico conseguente a un incidente sul lavoro nel 2011 e per questo stamane, non vedendo la persona uscire dalla stanza, alcuni vicini hanno aperto la porta e lo hanno trovato ormai senza vita». È quanto si legge in un comunicato di Action Diritti in Movimento, organizzazione per il diritto all’abitare. «Invitiamo quindi tutti gli organi di stampa e informazione a non avvallare altre ipotesi sui rilievi sul corpo ancora non confermati, oltre quella che sembra la più consona ai fatti – prosegue la nota -. In questo momento i familiari del deceduto stanno raggiungendo il palazzo. La comunità di Santa Croce e di Action si stringe nel dolore di chi lo ha conosciuto e dei suoi familiari».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login