Sergio Cammariere accompagna il pubblico "mano nella mano" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Sergio Cammariere accompagna il pubblico “mano nella mano” nel suo mondo musicale

Sergio-CammariereA Roma lo scorso 18 gennaio presso l’Auditorium Parco della Musica il pubblico capitolino ha avuto modo di ascoltare uno dei protagonisti della musica leggera italiana: Sergio Cammariere. Il cantautore calabrese ha infatti presentato nella sala Santa Cecilia il suo ultimo lavoro intitolato “Mano nella mano”, uscito nel settembre 2014 e che contiene tra gli altri, un brano omonimo. Cammariere ha voluto inserire in questo album la “crema”, in termini di insegnamento, di quella scuola della Canzone d’autore attraverso la cura dettagliata degli arrangiamenti e delle sonorità. Come riportato, all’interno della raccolta è presente un singolo intitolato con lo stesso nome dell’album. Questa “creatura musicale” è frutto di un’esperienza vissuta da Cammariere durante un viaggio in Andalusia che lo ha portato a spingersi fino a Tarifa. Qui, come lo stesso Artista ha raccontato, la sensazione che si ha è quella di assistere all’incontro tra due continenti, Europa ed Africa, che sembrano prendersi per mano e dove le acque dell’oceano e quelle del Mediterraneo si incontrano mescolandosi l’une alle altre. Attraverso quest’immagine e col desiderio di omaggiare il cantautore catalano Joan Manuel Serrat, Sergio Cammariere ha riportato in musica queste sue sensazioni avvalendosi, per il testo, della collaborazione di Roberto Kunstler, il paroliere storico che nel 2003 scrisse il brano “Tutto quello che un uomo” che portò il cantante al 3° posto al Festival di Sanremo e alla vittoria del Premio della Critica e di quello per la Migliore Composizione Musicale, oltre a due dischi di Platino. Indubbiamente assistere allo scorrere delle dita sui tasti bianchi e neri del pianoforte, ha portato il pubblico ad entusiasmarsi non poco davanti all’esibizione di questo Artista. Ma Cammariere non era solo; sul palco infatti c’erano altrettanto validi musicisti pronti ad accompagnarlo nelle sue performance canore. Fabrizio Bosso per la tromba e il filicorno, Luca Bulgarelli al contrabbasso, Amedeo Ariano alla batteria e Bruno Marcozzi per le percussioni. Oltre a “Mano nella mano” sono stati presentati pezzi come “L’Amore trovato”, “Ed ora”, “Le incertezze di Marzo”, “Così solare”, “Siedimi accanto” e non potevano mancare brani che hanno reso celebre il cantante di Crotone come “L’Amore non si piega” o “Tutto quello che un uomo”. Sergio Cammariere appare come un interprete di notevole spessore musicale ed “influenza” per così dire i suoi componimenti con ritmi che vanno dal Jazz alla musica Latina e Sudamericana. Un musicista che stupisce il pubblico oltre che con la sua maestria di compositore e pianista anche con un modo di porsi che lo rende estremamente elegante e raffinato e che esalta le sue doti artistiche. Stefano Boeris

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login