Criminalità, controlli per la sicurezza: arresti e denunce | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Criminalità, controlli per la sicurezza: arresti e denunce

– Posti di controllo, identificazioni e controlli finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati predatori, contrasto dello spaccio di droga e all’immigrazione clandestina, verifiche in numerosi esercizi commerciali. Queste le attività svolte dagli uomini della Polizia di Stato per tutta la giornata di ieri nel quartiere Esquilino che hanno portato a un arresto, 3 denunce, e sanzioni amministrative per complessivi 15.000 euro. In totale sono state 70 le persone controllate dagli agenti del Commissariato Esquilino; per 4 di loro è stato necessario l’accompagnamento negli uffici di Polizia per ulteriori accertamenti, tra i quali 2 cittadini del Corno d’Africa privi di documenti, un italiano inosservante del Foglio di via obbligatorio, un altro per vendita di merce senza la prescritta autorizzazione. Le verifiche hanno poi riguardato varie attività commerciali. Al titolare di un negozio di alimentari di via Ricasoli sono state comminate sanzioni amministrative per 6.700 euro; diverse le irregolarità riscontrate: mancanza dell’indicazione di provenienza degli alimenti, prodotti surgelati privi della regolare etichettatura oltre alla bilancia del peso per la merce non revisionata. Denunciato poi il titolare di un B&B in via Conte Verde per l’irregolare ampliamento della capacità ricettiva. Nel parco di Colle Oppio è stato invece sorpreso e arrestato uno spacciatore; 38 anni, somalo, è stato trovato in possesso di 10 grammi di eroina e 20 di marijuana, tutto già confezionato e suddiviso in dosi per la vendita. L’arrestato dovrà rispondere per la detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Sono stati arrestati ieri mattina dagli agenti della squadra di polizia giudiziaria del Commissariato Casilino Nuovo diretto dal Dr. Luigi Mangino. I due giovani, E. C. T. ed il fratello minorenne, erano stati segnalati agli agenti della Polizia di Stato già da alcuni giorni, come individui perfettamente inseriti nella rete criminale del quartiere di Riserva Nuova, adiacente alla più nota Ponte di Nona ed indicati come particolarmente attivi nella cessione dello stupefacente che avveniva all’interno della loro abitazione. Dopo una intensa attività di indagine, è stata individuata l’abitazione dei due ragazzi e ieri mattina i poliziotti in borghese del Commissariato si sono appostati lì vicino, fino a quando, fatta irruzione all’interno dell’appartamento, hanno sorpreso i due giovani con lo stupefacente già pronto alla vendita. La perquisizione locale, ha permesso infatti di sequestrare 15 grammi di cocaina già confezionata e pronta per la vendita, 100 grammi di hashish, materiale per il confezionamento delle dosi ed un ingente quantitativo di denaro. Il fratello maggiore è stato condotto dinanzi al Tribunale Ordinario per la convalida dell’arresto mentre per il minorenne si sono aperte le porte del Centro di Prima Accoglienza per minorenni.

email




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *