Ottavia, rapina in villa: ferito il proprietario | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Ottavia, rapina in villa: ferito il proprietario

– Notte da incubo per un ristoratore romano, vittima assieme alla sua famiglia di una rapina in villa alla periferia di Roma. L?uomo, un 49enne, stava rientrando a casa dal suo locale quando si è imbattuto della banda di cinque malviventi stranieri, probabilmente dell?Est Europa. E? accaduto la scorsa notte, intorno alle 2.30, in via Esperia Sperani, in zona Ottavia. A quanto ricostruito i rapinatori, con il volto coperto da passamontagna e armati, lo hanno atteso al cancello dell?abitazione e lo hanno minacciato introducendosi con lui nella villa. In casa c?erano la moglie e la figlia dell?uomo. Rubato l’incasso di tre giorni del ristorante, circa 20mila euro in contanti, gioielli e tre orologi Rolex. L?imprenditore è stato colpito alla testa con il calcio della pistola. I malviventi durante il ?colpo? hanno anche esploso a scopo intimidatorio un colpo che ha centrato una poltrona. Appena la banda ha lasciato la villa la famiglia ha dato l?allarme al 113. Il proprietario di casa è stato soccorso dagli operatori del 118 che lo hanno trasportato in ospedale. Al termine degli accertamenti è stato dimesso con sei giorni di prognosi. Sulla vicenda indagano gli agenti della Squadra Mobile e del commissariato Primavalle. Effettuato un sopralluogo nell?abitazione per trovare eventuali tracce lasciate dai malviventi. Sequestrata l?ogiva del proiettile rimasta conficcata nella poltrona e su cui sono in corso accertamenti. Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza del comprensorio in cui si trova la villetta che potrebbero aver ripreso la banda prima della rapina e durante la fuga. Sotto la lente d’ingrandimento anche le recenti frequentazioni della famiglia.

email




Una risposta a Ottavia, rapina in villa: ferito il proprietario

  1. EmmaAngeliniV 18 febbraio 2015 a 18:50

    Ecco, altri stranieri sicuramente extracomunitari…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *