Prevenzione, fumo e colesterolo principali nemici per il cuore delle donne | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Prevenzione, fumo e colesterolo principali nemici per il cuore delle donne

– Colesterolo e fumo, i due principali fattori di rischio per il cuore, possono spiegare il 67% delle cardiopatie. Lo hanno ricordato gli esperti alla presentazione della campagna ‘Vivi con il cuorè dedicata alla salute del cuore delle donne oggi a Roma. «Dopo questi due – ha spiegato il presidente della Società Italiana di Cardiologia Francesco Romeo – ci sono, in ordine decrescente di importanza, diabete, ipertensione, obesità. L’attività fisica è protettiva, cosi come il consumo di antiossidanti, poi bisogna avere un moderato consumo di alcol, e una informazione corretta. Questo serve per la prevenzione primaria, mentre una volta che si è avuto un evento cardiovascolare c’è un semplice algoritmo che può prevenire ricadute». La campagna si basa sul sito e sulla app ‘Viviconilcuore.it’! Che contiene anche un test per capire i propri profili di rischio. Il fumo, ha spiegato Roberta Pacifici dell’Istituto Superiore di Sanità, sembra essere il fattore più difficile da tenere a bada per le donne. «È nota la maggiore predisposizione a sviluppare dipendenza da nicotina nelle donne – ha spiegato Pacifici – che hanno una minore propensione a smettere, chiamano meno i numeri verdi, hanno maggiore percentuale di ricadute. Insomma è più difficile nella donna smontare il percorso della gratificazione che il tabacco produce. Il tabagismo è una patologia, non è un vizio, finchè non si capisce questo non si sconfigge il problema».

email

Una risposta a Prevenzione, fumo e colesterolo principali nemici per il cuore delle donne

  1. Romeo Cartoni 2 aprile 2015 a 14:52

    Chi è Consapevole non fuma. Perchè il fumo è
    la più stupida mortale e costosa trappola che l’uomo si sia mai
    costruito! Per cui Smettere di Fumare adesso puoi, quindi fai la
    differenza qui: http://goo.gl/WTB0X6
    ed è molto più facile!

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login