Ostia, Radicali: "Ricorso al Tar contro ordinanza illegittima" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Ostia, Radicali: “Ricorso al Tar contro ordinanza illegittima”

– I Radicali presenteranno un ricorso al Tar contro l’ordinanza per l’apertura della stagione balneare che, sostiene il consigliere comunale Riccardo Magi, «presenta profili di illegittimità preoccupanti». Si tratta di «un atto – continua il presidente dei Radicali – che, di fatto, nega ai cittadini la libertà di accedere al mare in qualsiasi momento». «Riconoscere la distinzione tra varchi pubblici e varchi non pubblici al demanio marittimo, come fa questa ordinanza – è scritto in una nota – significa smentire quanto sancito dalla legge e dalle concessioni balneari: ovvero che per definizione ogni accesso alla spiaggia è un accesso pubblico. Si tratta, infatti, di legittimare l’esistenza di ‘accessi privatì alla spiaggia, vanificando così anche il divieto, previsto nella stessa ordinanza, di costruire siepi e recinzioni, un ottimo passo avanti che avremmo riconosciuto con soddisfazione». «Un errore grave, che si sarebbe evitato facilmente se nell’atto si fosse ribadito, come noi Radicali avevamo chiesto al sindaco e all’assessore Sabella, l’obbligo di legge per i concessionari degli stabilimenti di garantire l’accesso alla spiaggia 12 mesi l’anno e h24 a prescindere dagli orari dei servizi. Un suggerimento che però è stato totalmente ignorato -conclude Magi- la legalità a Ostia può tornare solo con atti amministrativi forti quanto gli annunci, e non con soluzioni di compromesso che rischiano solo di aggravare la situazione».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login