L'aula boccia la mozione bipartisan contro il nuovo logo di Roma | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

L’aula boccia la mozione bipartisan contro il nuovo logo di Roma

L’assemblea capitolina mette la parola fine alla polemica sul nuovo logo commerciale di Roma Capitale caratterizzato dalla scritta ‘Roma & Yoù. L’Aula Giulio Cesare ha bocciato una mozione ‘bipartisan’ che chiedeva di ritornare alla versione precedente, cancellando quindi un logo «che danneggia l’immagine di Roma». A votare a favore però due consiglieri del Pd. Il provvedimento era stato presentato dalla consigliera del Partito democratico Daniela Tiburzi e del collega di opposizione di Alleanza popolare nazionale Ignazio Cozzoli Poli. La mozione è stata bocciata con 18 voti contrari, 12 favorevoli e tre astenuti. A votare contro la maggioranza targata Pd-Sel-Lista civica anche se due consiglieri ‘dem’ hanno dato il loro voto favorevole: oltre alla Tiburzi, prima firmataria della mozione, c’è anche Marco Palumbo. Tra gli astenuti la consigliera di Sel Gemma Azuni, Massimo Caprari di Centro Democratico e Riccardo Magi della Lista civica Marino. «Questo logo a mio avviso non dà diritto di dignità a Roma . commenta Tiburzi intervenendo in Aula – e non l’ho mai nascosto. Questo logo ha in realtà creato confusione per gli addetti lavori dell’amministrazione: tanto che il sito ufficiale del Comune di Roma, come anche sul profilo Facebook, non compare il simbolo istituzionale ma quello relazionale con le 5 palle. Roma è la parola italiana più famosa in tutto il mondo, non si può americanizzarla. Roma deve continuarsi a chiamarsi Roma. Non si può chiamare diversamente. La storia è storia. È mio obbligo da consigliera comunale, da cittadina romana difendere la dignità e l’identità di Roma».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login