Derby Roma-Lazio, è ufficiale: i biancocelesti chiedono il rinvio. Lunedì la risposta della Lega | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Derby Roma-Lazio, è ufficiale: i biancocelesti chiedono il rinvio. Lunedì la risposta della Lega

Si accende la volata Champions, e con essa Lazio-Roma, il crocevia della corsa per il secondo posto. Domenica alle 15 o lunedì alle 17? La Lazio ne chiede il posticipo, Garcia chiede il ‘rispetto delle regole» e se al momento lo spostamento sembra ipotesi realistica, l’Ufficio legale della Lega di A è la lavoro per trovare la soluzione formale. Dopo giorni di attesa, all’indomani della vittoria in casa Samp Lotito è uscito allo scoperto e ha ufficializzato la richiesta: giochiamo lunedì, di sera o al più presto al pomeriggio come stabilito dall’Osservatorio. La Lazio ci crede, vede a portata di mano il secondo posto che vale l’accesso alla Champions League senza passare per i preliminari, e non ci sta a giocarsi la decisiva stracittadina a soli quattro giorni dalla finale di Coppa Italia con la Juventus, mercoledì. Ecco quindi che la società biancoceleste si è assunta l’onere dell’eventuale rimborso dei biglietti, precondizione considerata necessaria dalla Lega per esaminare la richiesta. Nella quale si fa riferimento alla serale, ma con una postilla: la Lazio si rimette sull’orario alle indicazioni delle autorità di sicurezza. E infatti la soluzione di lunedì 25 alle 17 (o alle 18) sembra a portata di mano. In casa Roma, la richiesta dei cugini non ha però fatto particolarmente piacere: da Trigoria sottolineano di non aver usufruito di posticipi al lunedì in occasione delle gare infrasettimanali disputate in Champions nel corso della stagione. Situazione evidenziata con decisione dal ds Sabatini: «Quando si gioca il derby? Si gioca domenica, è in calendario per domenica, e ci mancherebbe altro che non fosse così. Sarebbe sbagliato spostarlo – le netta presa di posizione del dirigente -. Sarebbe sbagliato perchè la Lazio gioca mercoledì, e la Roma ha giocato tutte le gare del girone di Champions il mercoledì e non ha mai spostato la partita nè ha mai chiesto di farlo. Non vedo perchè si debba quindi andare contro a un calendario che già esiste». C’è dell’altro: la Roma si appella all’art. 34 comma 1 del regolamento, che prevede un termine di dieci giorni dalla data prevista per la richiesta di spostamento. «Ci sono delle regole e vanno rispettate», ha ribadito ancora stasera Garcia, indicando in domenica la data giusta. «Ma noi possiamo giocare lunedì, martedì, mercoledì». Nelle stesse norme invocate dalla Roma, tra l’altro, è prevista anche la facoltà decisionale del presidente, o degli organi direttivi. E al momento lo spostamento al lunedì resta ipotesi concreta. L’ufficio legale di via Rosellini è al lavoro, entro domani una decisione sarà presa. E non è solo questione di commi.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login