Incendio Fiumicino, opposizione all'attacco: "Si rischia la crisi occupazionale" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Incendio Fiumicino, opposizione all’attacco: “Si rischia la crisi occupazionale”

I gruppi consiliari di opposizione a Fiumicino esprimono preoccupazione per i rischi occupazionali al Leonardo da Vinci in caso perduri la riduzione dell’operatività. «La salvaguardia della salute non per forza deve far rima con disoccupazione – afferma il capogruppo di Forza Italia, Federica Poggio – Se la decisione di ridurre l’operativa dell’aeroporto di Fiumicino da straordinaria dovesse protrarsi nel tempo, andremmo incontro a una nuova pesantissima crisi occupazionale. La possibilità che molti voli vengano trasferiti negli aeroporti del nord, se lo stop del T3 andasse per le lunghe, non è così remota vista l’impossibilità di virare permanentemente su Ciampino o Pratica di Mare. Così come potrebbe presentarsi il rischio che lì quei voli ci rimangano e Fiumicino possa perderebbe il ruolo di hub centrale che faticosamente si è conquistata». «I risvolti occupazionali sarebbero drammatici non solo all’interno dell’aeroporto – aggiunge -. Attività commerciali o ricettive al di fuori del sedime hanno già subito una gravissima contrazione per lo spostamento del traffico aereo. Per la chiusura del T3, questa non solo deve essere temporanea ma accompagnata da tempistiche certe sulla sua riapertura».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login