Incidente sul lavoro, operaio muore folgorato in un ristorante del centro | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Incidente sul lavoro, operaio muore folgorato in un ristorante del centro

– Stava effettuando dei lavori nel seminterrato di uno dei più noti ristoranti del centro storico di Roma, «Tre scalini» di piazza Navona, quando è morto folgorato. La vittima, un giovane operaio romeno di 30 anni, è stato trovato a terra accanto a una scatola elettrica aperta e con dei cavi scoperti. Quando è stato soccorso per lui non c’era più nulla da fare. Inutili i tentativi da parte degli operatori del 118. Sul posto la polizia scientifica per i rilievi, gli agenti del commissariato Trevi che indagano sulla vicenda, vigili del fuoco e tecnici dell’Acea. Dai primi accertamenti sembra che la vittima fosse un elettricista che lavorava per una ditta di ristrutturazione. L’uomo stava effettuando dei lavori all’impianto elettrico all’interno di un seminterrato di pertinenza del ristorante quando è rimasto folgorato. Sono in corso verifiche per accertare l’accaduto e stabilire se ci siano eventuali responsabilità dietro l’incidente. E la morte del giovane romeno avviene a soli due giorni di distanza da un altro grave infortunio sul lavoro che si è verificato lunedì nella Capitale. Lunedì mattina tre operai sono rimasti ustionati da una fiammata di ritorno mentre riparavano dei tubi del gas in un cantiere a via dei Castani, nel quartiere Centocelle, alla periferia della città. Il più grave ha riportato ustioni sul 70% del corpo ed è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale Sant’Eugenio. Anche i suoi due colleghi sono stati portati dal 118 nello stesso ospedale in codice rosso.

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login