Ingrao, applausi e canti in piazza Montecitorio accolgono il "Compagno Pietro" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Ingrao, applausi e canti in piazza Montecitorio accolgono il “Compagno Pietro”

– Un lungo applauso ha accompagnato l’ingresso in piazza Montecitorio del feretro di Pietro Ingrao, dove sono appena iniziati i funerali di Stato del politico italiano, alla presenza delle più alte cariche dello Stato. Dopo l’applauso, dalla piazza hanno iniziato ad intonare le note di «Bella ciao». «Cento anni, una lunga vita spesa per la libertà e della democrazia del nostro paese. Un uomo colto, onesto, animato da una forte passione ideale». Con queste parole il presidente della Camera Laura Boldrini ha aperto le esequie pubbliche di Pietro Ingrao a piazza Montecitorio. «Non sarebbe giusto – ha detto parlando dal palco che ospita le autorità allestito sulla piazza – confinare nel passato l’intero suo pensiero e le sue riflessioni: nei suoi scritti ci sono spunti che parlano anche alle cose di oggi, guerre, fenomeni migratori. L’atteggiamento culturale di Ingrao aveva una permanente curiosità». «Un papà speciale, che veniva fermato per strada, che vedevamo in tv e sui giornali. Questa vita se la portava anche dentro casa, in famiglia. Attraversava anche le nostre vite. Tanti sono i ricordi dei momenti gioiosi con lui». Con queste parole, la figlia di Pietro Ingrao, Renata, ha aperto il suo discorso pronunciato a piazza Montecitorio, in occasione delle esequie di Stato. «Adesso sei volato libero da qualche parte ma sei dentro di noi» ha concluso. – La conferenza dei sindaci della Città metropolitana a Palazzo Valentini si è aperta con un minuto di silenzio in ricordo dello storico dirigente del Pci e presidente della Camera, Pietro Ingrao, scomparso il 27 settembre.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login