Regione: "Parte curare con cura, la sanità più accessibile" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Regione: “Parte curare con cura, la sanità più accessibile”

«È stato inaugurato questa mattina il servizio »Curare con cura«, un progetto sperimentale di assistenza socio-sanitaria per le persone disabili non collaboranti promosso da Regione Lazio, ASL RMC e Ipab IRAS in collaborazione con l’Associazione Genitori ex Anni Verdi. Sede del servizio è il Centro ambulatoriale integrato polispecialistico della ASL RM C »Santa Caterina della Rosa« di Roma, nel quartiere Prenestino. Da oggi le persone portatrici di disabilità complessa e le loro famiglie avranno a disposizione un servizio di facilitazione all’accesso ai servizi sanitari e di accompagnamento lungo tutto il percorso assistenziale all’interno del centro »Santa Caterina della Rosa«. Nella struttura della ASL RM C è stata allestita una centrale operativa con la duplice funzione di centralino e di punto di accoglienza, per aiutare il paziente e chi lo assiste nella prenotazione delle prestazioni sanitarie. Inoltre, operatori specializzati accoglieranno la persona disabile e la famiglia e li accompagneranno per tutta la loro permanenza nella struttura: si tratta dei »patient manager«, una sorta di »mediatori« tra i bisogni della persona assistita e il sistema sanitario. Ogni persona disabile avrà a propria disposizione un operatore costantemente raggiungibile e disponibile a trovare tempestivamente le soluzioni più idonee alle proprie esigenze di cura, comprese le eventuali urgenze e la necessità di prestazioni aggiuntive. Sono circa 1.800 le persone disabili non collaboranti che risiedono nel territorio della ASL RM C: si stima che entro 12 mesi il progetto le coinvolgerà tutte, con un’erogazione complessiva di 3600 ore di assistenza da parte dei patient manager e oltre 22mila ore di lavoro supplementari dei servizi sociali territoriali. Il servizio costa 250mila euro all’anno ed è interamente finanziato dall’Ipab IRAS». Lo comunica, in una nota, la Regione Lazio. «’Curare con curà è un progetto sperimentale: l’obiettivo, – spiega il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – è quello di costruire un modello di assistenza socio-sanitaria integrata da esportare in tutte le Asl del Lazio: la Regione effettuerà nei prossimi tre anni un monitoraggio semestrale del servizio in modo tale da metterlo a punto e replicarlo in tutte le nostre Case della salute. Si tratta di un altro tassello importante del nostro percorso di risanamento della sanità e di rinnovamento delle politiche sociali regionali». «È paradossale che proprio chi ha più bisogno del servizio sanitario faccia più fatica ad accedervi – spiega l’assessore regionale alle Politiche sociali, Rita Visini – Il senso del nostro progetto è proprio quello di rendere più semplice e fruibile il percorso di assistenza a quelle persone, come i disabili non collaboranti, per le quali anche effettuare un esame diagnostico banale costa più fatica e disagio che per gli altri. Chi vive una condizione di fragilità grave deve essere messo in condizione di vedere rispettato il proprio diritto all’assistenza».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login