Roma-Latina: nuovo stop. Palozzi e Aurigemma contro Zingaretti | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Roma-Latina: nuovo stop. Palozzi e Aurigemma contro Zingaretti

«Le costanti incertezze sulla realizzazione dell’autostrada Roma Latina dimostrano la debolezza dell’amministrazione Zingaretti, incapace di far sentire la propria voce e le istanze delle nostre province al Governo. Lo stop stavolta sarebbe di tipo burocratico, dovuto alla mancanza di finalizzazione delle risorse, a quanto pare da parte dello Stato, ed evidenzia il disinteresse e la superficialità con cui il centrosinistra, alla guida di Governo e Regione, sta gestendo questa situazione. L’infrastruttura in questione fornirebbe delle risposte importanti alla nostra regione in termini di viabilità. L’unico a non rendersi conto della valenza di quest’opera è proprio il governatore, che con i suoi tentennamenti e la sua inconsistenza politica rischia di far perdere ulteriore tempo. Zingaretti si renda conto che non basta tagliare i nastri e lanciare promesse al vento, ma servono strategie e programmazione, ossia tutto ciò che non si è mai visto in questi due anni e mezzo» Lo dichiara, in una nota, il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma. «Un altro stop burocratico per la realizzazione della Roma-Latina, l’ennesimo rinvio per un appalto che si trascina impietosamente da anni. Siamo davvero alle comiche, all’apice dell’inefficienza amministrativa dei governi di centrosinistra alla guida del Paese e della Regione. Un rimpallo di responsabilità imbarazzante, quello messo in campo in questi mesi da Renzi e Zingaretti, che non fa altro che danneggiare cittadini e attività imprenditoriali. Premier e governatore del Lazio devono invertire seriamente la rotta e assicurare la reale costituzione di una autostrada, la Roma-Latina, assolutamente strategica per il nostro territorio». Così, in una nota, il consigliere regionale FI e vicepresidente della commissione Mobilità, Adriano Palozzi.

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login