Mafia capitale, resta ai domiciliari l'ex dirigente di Eur spa | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Mafia capitale, resta ai domiciliari l’ex dirigente di Eur spa

– Resta ai domiciliari Clelia Logorelli, 50 anni, dirigente preposto al Settore verde di Eur Spa (ora sospesa), accusata di corruzione nell’ambito dell’inchiesta a Mafia Capitale. Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Roma che ha respinto l’istanza di scarcerazione presentata dai suoi difensori. La donna era stata arrestata il 30 ottobre scorso. Secondo l’accusa la Logorelli – in concorso tra gli altri con Salvatore Buzzi, il ras delle cooperative – nella sua qualità di dirigente preposto al Settore verde di Eur Spa, responsabile parchi e giardini, avrebbe compiuto atti contrari ai doveri di uffici in cambio di uno «stipendio» mensile pari a 2.500 euro. Denaro che avrebbe ricevuto a più riprese da Buzzi, amministratore delle cooperative riconducibili al gruppo criminale capeggiato da Massimo Carminati. Nel confermare i domiciliari, il tribunale della Libertà scrive che Logorelli «ha dimostrato di avere una particolare propensione a delinquere rinunciando totalmente all’utilizzo delle propria discrezionalità nell’interesse della collettività ponendola a servizio dei privati dei quali era a libro paga». La ex dirigente di Eur Spa ha «ricevuto per un lungo periodo di tempo, un vero e proprio stipendio ‘parallelò a quello corrisposto dalla Amministrazione». In sostanza per i giudici del Riesame «la determinazione delinquenziale dimostrata» dall’indagata «rende particolarmente attuale il pericolo che possa continuare a svolgere la propria infedele opera professionale anche se non in servizio».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login