Roma, Totti pronto al ritiro: parola di Ilary. E Szczesny pensa allo scudetto | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Roma, Totti pronto al ritiro: parola di Ilary. E Szczesny pensa allo scudetto

Nell’ultimo incontro avuto Pallotta prima delle feste natalizie Francesco Totti ha fatto chiaramente intendere al presidente della Roma di vedersi per un altro anno ancora con gli scarpini ai piedi, ma in famiglia c’è già chi pensa al momento del suo addio al calcio giocato. «Il ritiro di Francesco? Embè, ci siamo. L’anno prossimo compie 40 anni…» spiega la moglie del capitano giallorosso, Ilary Blasi, nel corso di una intervista al settimanale ‘Oggì. «Ma visto? Ho dato l’addio prima io che lui, l’ho bruciato sul tempo – sottolinea quindi Ilary, che ha salutato il ruolo da conduttrice de Le Iene -. L’anno prossimo compie 40 anni… Dico che ‘ogni stagione ha il suo melonè e Francesco si è goduto tutto, al punto che ora penso abbia desiderio di altro. Ma rimarrà comunque nel mondo del pallone». Per Totti, d’altronde, è già pronto un contratto da dirigente nella Roma.La Roma crede ancora allo scudetto e farà di tutto per centrarlo con Rudi Garcia in panchina. A 48 ore dal ritorno in campo dopo la sosta di campionato, Wojciech Szczesny rilancia le ambizioni della squadra giallorossa impegnata mercoledì a Verona sul campo del Chievo. «?Vogliamo iniziare bene la seconda parte di stagione in modo da recuperare terreno sulle squadre che ci precedono in classifica e da tornare a pensare naturalmente allo scudetto, che è il nostro obiettivo da inizio stagione» spiega il portiere polacco intervistato da Sky Sport24. Il distacco dalla testa del gruppo, d’altronde, non è poi così ampio. «Siamo ancora in corsa, a quattro punti dalla prima – sottolinea Szczesny, arrivato in prestito dall’Arsenal -. È molto positivo che ci siano cinque squadre in soli quattro punti: questo rende infatti il campionato equilibrato. In una sola partita si possono quindi recuperare punti sulle squadre che ci precedono, anche se proprio in questa prospettiva è altrettanto importante essere al meglio in ogni singola gara». Fondamentale quindi sarà fare bottino pieno in casa del Chievo. E non solo per questioni di classifica, ma anche per salvare la panchina di Rudi Garcia, difeso apertamente dal gruppo prima della pausa natalizia con l’abbraccio collettivo successivo al gol di Florenzi col Genoa. «È normale che quando si attraversano periodi difficili come quello che abbiamo avuto il mese scorso si arrivi a parlare anche della posizione di Garcia – ammette Szczesny -. Ma il mister ha lavorato duramente per uscire da questo momento e questo noi lo vediamo anche in allenamento. La sua dedizione, il suo impegno e la sua determinazione sono tutte cose che lui trasferisce alla squadra. Sono convinto che Garcia sia la persona giusta al 100%».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login