Madre coraggio si incatena davanti al Cem: "Accreditate il centro" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Madre coraggio si incatena davanti al Cem: “Accreditate il centro”

– Si è incatenata e ha iniziato lo sciopero della fame per salvare il diritto alle cure della propria figlia. Non avendo avuto risposte dalla Regione Lazio, Maria Cidoni, 75 anni, ha iniziato un protesta davanti al Centro di educazione motoria (Cem) di Roma: la donna chiede un cambiamento nella gestione della struttura e cioè un vero e proprio accreditamento che darebbe più fondi e personale al centro che ospita 40 ragazzi disabili gravi. Tra quelle mura vive da 44 anni la figlia Barbara. «Chiedo – dichiara la donna – che nella struttura ci sia un giusto rapporto tra operatori e pazienti e vorrei anche sapere che fine ha fatto l’accreditamento che ci è stato promesso per il 7 novembre».

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login