Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Smog, Mascia: “La procura apra un’inchiesta sui morti di Roma”

«È giunto il momento che la Procura della Repubblica, magari riprendendo in mano la mia denuncia del mese scorso, apra una indagine, perché gli ultimi studi pubblicati rivista della Società Italiana di epidemiologia e prevenzione indicano chiaramente che queste 26 persone non sono certamente morte per cause naturali ed è necessario individuare i responsabili ai sensi del secondo comma dell’articolo 40 del Codice penale, che recita ‘Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo»’. Lo dichiara Gianfranco Mascia, portavoce dei Verdi di Roma e candidato alle primarie del centrosinistra nella Capitale. «Il mese di dicembre è stato caratterizzato da livelli giornalieri molto elevati di PM10, che hanno superato i limiti imposti dalla legislazione – prosegue – A livello sanitario, questa condizione ha determinato a Roma nel periodo considerato un incremento di 26 decessi, 20 ricoveri ospedalieri e 30 accessi al Pronto soccorso attribuibili ai soli superamenti dei valori di legge del PM10». «Per questo io propongo un patto con gli altri candidati per la salvaguardia della salute dei cittadini che consideri principale la priorità della lotta allo smog – aggiunge – che vuol dire più trasporto pubblico, incentivi alla mobilità alternativa, controllo più ferreo sulle caldaie private e degli edifici pubblici, stop ai roghi abusivi che infestano la periferia di Roma».

email


Leggi anche…