Ostia, scontro Orfini-M5s su twitter | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Ostia, scontro Orfini-M5s su twitter

– «Presidente Orfini, hai dato copertura politica a Tassone, arrestato poi per mafia capitale», scrive il deputato M5s Alessandro Di Battista. «Di Battista, Tassone l’ho dimesso che non era nemmeno indagato. Per coprire Ferrara e le vostre ambiguità a Ostia devi impegnarti di più», replica il presidente Pd Matteo Orfini. Lo scambio di questa mattina su Twitter prosegue lo scontro in atto tra Pd e M5S sulle candidature a Roma in vista delle amministrative. Di Battista pubblica un vecchio audio di un’intervista in cui Orfini difendeva Andrea Tassone, allora presidente del municipio di Ostia. E Orfini subito replica, invitando i 5 Stelle a chiarire la loro posizione su un altro esponente politico di Ostia, Paolo Ferrara, che è tra i candidati M5s per la corsa al Campidoglio: «Ma quindi – scrive – Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista difendono l’impresentabile Ferrara, nemico di chi combatte la mafia, amico dei balneari abusivi?». «Vi ricordo – interviene la parlamentare M5s romana Roberta Lombardi – che per giudici accostare mafia e M5s è diffamazione. vi quereliamo? #arrestanovoi». «Non lo avevate già fatto?», risponde il presidente del Pd Orfini.Le primarie non sono un concorso di bellezza e i candidati del Pd non sono i tronisti di Maria De Filippi. Ognuno scende in campo con le proprie idee, con i propri progetti. Si tratta di un confronto democratico. Le primarie servono anche a questo». È quanto ha dichiarato Matteo Orfini commissario del Pd romano, partecipando all’evento organizzato da Francesco Rutelli, che si sta svolgendo all’Auditorium Conciliazione. «Evidentemente esiste una diversità programmatica tra i candidati e l’esito delle primarie servirà proprio a sciogliere questa diversità». Ed a proposito di primarie ha poi sottolineato ancora che «saranno proprio i nostri elettori, attraverso il loro voto a dirimere le controversie programmatiche».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login