M5s, ricorso degli espulsi contro le Comunarie. I grillini: "In cerca di visibiltà", il dem Esposito: "Farsa" | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

M5s, ricorso degli espulsi contro le Comunarie. I grillini: “In cerca di visibiltà”, il dem Esposito: “Farsa”

L'effetto piu' deflagrante sarebbe l'annullamento della candidatura della Raggi, il gruppo romano: "Azione da chi era pubblicamente vicino ad altri partiti"

L’annullamento e la ripetizione delle comunarie on line che hanno designato Virginia Raggi candidata sindaco di Roma di M5S sono stati chiesti al Tribunale civile della capitale da tre attivisti romani espulsi dal Movimento pochi giorni prima del voto. Si tratta del professor Antonio Caracciolo, escluso perche’ accusato di posizioni negazioniste dell’Olocausto, dell’avvocato Paolo Palleschi e di Roberto Motta. “Abbiamo citato in giudizio il movimento nella persona di Beppe Grillo – ha detto Palleschi -, chiedendo di dichiarare la nullita’ delle nostre espulsioni perche’ violano delle regole del movimento e altre generali di diritto. Vogliamo avere la possibilita’ di partecipare alle comunarie, che di conseguenza vanno annullate e ripetute. Abbiamo chiesto – ha concluso Palleschi – al Tribunale un provvedimento cautelare in attesa che si pronunci sul merito. L’effetto piu’ deflagrante sarebbe  l’annullamento della candidatura della Raggi”. “E’ curioso che il promotore dell’iniziativa sia chi fino allo scorso anno era pubblicamente vicino ad altri partiti. Sembra piu’ che altro una ricerca di visibilita’ strumentale. Ma a noi queste cose non ci preoccupano, bensi’ ci preoccupiamo per Roma. Continueremo ad andare avanti per la nostra strada con determinazione per cambiare il volto di una citta’ che merita il proprio riscatto”. Lo dichiara in una nota il Movimento Cinque Stelle Roma, a proposito dell’atto di citazione contro le ‘comunarie’ da parte di alcuni esclusi dalle consultazioni online. Il riferimento alla vicinanza ad altri partiti riguarda alcuni post sui social network di Paolo Palleschi, uno dei ricorrenti espulsi da M5S, post favorevoli alle posizioni di Noi con Salvini. ”A ROMA nel #M5S siamo alle carte bollate per i candidati bingo usciti dalla magica slot machine di Casaleggio. #comunariefarsa”. Così Stefano Esposito, parlamentare del Pd, in un commento su Twitter.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login