Santa Lucia Basket, non solo sport ma coinvolgimento sociale - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Santa Lucia Basket, non solo sport ma coinvolgimento sociale

santaluciabasketE’ un progetto di raccolta fondi, ma in realtà è qualcosa di più. Il progetto è finalizzato alla creazione del settore giovanile della squadra di pallacanestro in carrozzina SSD Santa Lucia Roma ed alla partecipazione al prossimo campionato cadetto.
L’obiettivo di creare una squadra giovanile non riguarda solamente l’aspetto agonistico, ma si basa sull’idea di promozione della disciplina sportiva rivolta al maggior numero di giovani (maschi e femmine) con disabilità motoria.
La squadra giovanile del Santa Lucia vorrebbe diventare un vero e proprio riferimento sul territorio di Roma e del Lazio creando un vivaio di giocatori di pallacanestro in carrozzina e scoprendo magari, nuovi grandi campioni (come i nostri Matteo Cavagnini e Mohamed “Giulio” Sanna, atleti paralimpici in forza alla Nazionale Italiana di basket in carrozzina ad Atene 2004 e Londra 2012).

Le principali necessità odierne sono:
– Offrire una risposta ai bisogni di coinvolgimento sociale e di miglioramento della condizione psicofisica delle persone con disabilità motoria assistita da figure specializzate, attraverso l’avviamento all’attività sportiva (sport-terapia).
– Mettere in condizione tutti i giocatori di accedere alla pratica sportiva attraverso strumenti ed ausili adeguati (acquisto e manutenzione di carrozzine da gioco, disponibilità ricambi, dotazione di abbigliamento tecnico-sportivo e di tutti i materiali necessari all’allenamento, presenza di fisioterapisti e medici durante la preparazione atletica, gli allenamenti e le partite)
– Individuare una palestra adeguatamente attrezzata per la pratica sportiva in carrozzina
– Aumentare il numero e il coinvolgimento dei tifosi e della comunità in tutte le attività e gli eventi promossi nell’ambito del progetto, anche al di fuori delle partite di campionato
– Alimentare il vivaio dei futuri atleti della prima squadra, il Santa Lucia Basket Roma, militante in Serie A e pluri-campione d’Italia e d’Europa

Obiettivo primario del progetto è quello di individuare persone con disabilità motoria e favorire il loro inserimento in un contesto popolato da figure specializzate nell’insegnamento della pallacanestro in carrozzina e alla costruzione di un percorso sportivo adeguato.
I giovani così inseriti nel contesto “squadra” saranno accompagnati attraverso un percorso di maturazione psicofisica che porterà al miglioramento del loro ambiente socio-familiare. L’inclusione della persona con disabilità attraverso la leva sportiva (psicofisica ed emotiva, relazionale e sociale) permetterà infatti di agire sui protagonisti dell’azione e al tempo stesso sui componenti del loro contesto di riferimento quotidiano (scuola, famiglia ecc.) estendendo così il coinvolgimento ad un pubblico più ampio.

Da queste attività deriverà la possibilità di intraprendere strategie e azioni di sensibilizzazione nei confronti della comunità e di collaborazione con gli enti e le agenzie educative del territorio, rendendo possibile e condiviso il progetto della Società e di tutte le persone coinvolte. Saranno infatti gli stessi membri della futura squadra giovanile che avranno il compito di promuovere la pallacanestro adattata e di organizzare momenti di condivisione e partecipazione negli istituti scolastici che li accoglieranno e durante gli altri eventi programmati.

Principali fasi progettuali e azioni:
1. Reperimento di nuovi soggetti da coinvolgere nella squadra giovanile attraverso:
• Una campagna di informazione da realizzare coinvolgendo partner istituzionali, comunità territoriale, sponsor
• La creazione di un sito web dedicato connesso ai principali social network, in aggiunta alla piattaforma di comunicazione della prima squadra.
2. Costituzione di un’equipe medico-fisioterapica di supporto alla squadra ed acquisto delle carrozzine da gioco
3. Iscrizione al campionato giovanile FIPIC 2017/2018
4. Organizzazione di eventi (roadshow, flashmob, incontri nelle scuole) finalizzati alla promozione e pratica della pallacanestro adattata ed all’insegnamento dei suoi valori sportivi.

Per saperne di più <clicca qui>

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login