EIMI’ rischia di chiudere: e i minori a rischio ospitati? - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

EIMI’ rischia di chiudere: e i minori a rischio ospitati?

eimi_medici_corsia“La struttura Eimì, che opera nel Lazio dal 2003 e che si occupa della presa in carico dei minori adolescenti con grave disturbo psicopatologico, rischia di chiudere a causa di una mera questione burocratico-amministrativa”. E’ quanto denuncia Claudio Bencivenga, direttore clinico della struttura. “La struttura, di tipo comunitario, è nota – spiega all’AdnKronos Salute – per la produzione scientifica e per essere stata pioniera a livello nazionale per gli interventi di cura di disturbi psichiatrici in esordio”.

“Ci si chiede – osserva – dove andranno a finire i minori attualmente ospitati, in mancanza di strutture analoghe sul territorio regionale”. “Possono interventi clinici su minori con importanti disturbi depressivi, alcuni con storie di tentato suicidio alle spalle e grave ritiro sociale, essere interrotti così bruscamente? Quegli adolescenti in attesa di essere inseriti nella medesima struttura su richiesta delle Asl, da chi saranno presi in carico? C’è grande preoccupazione – denuncia Bencivenga – da parte dei famigliari per il futuro dei propri figli, alcuni si sono già rivolti al Garante regionale dell’infanzia e dell’adolescenza per la tutela dei propri ragazzi”. Proprio domani, venerdì 21 aprile, si svolgerà l’udienza per la sospensiva del provvedimento di chiusura al Tar

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login