Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

OSTIA – Parte la stagione nel lungomare degli abusi

ostia-abusivi-07Ostia, parte la stagione nel lungomare degli abusi, è tutto pronto per il primo maggio. I19 bagnini a disposizione del Comune sono pronti. Dal primo maggio, dall’inizio della stagione balneare, copriranno le postazioni di otto delle spiagge libere di Ostia. Altre ancora apriranno al pubblico grazie ai baywatch volontari della Sics e ai loro cani addestrati per il salvataggio in mare. Sul piano della legalità c’è ancora molto da fare perché le intenzioni non restino slogan: stop agli abusi edilizi e agli scempi ambientali nei 71 stabilimenti della costa romana? Sono 77le irregolarità conteggiate nel 2016 dall’ufficio Condono del Comune. Violazioni dei vincoli paesaggistici, demolizioni e ricostruzioni senza titolo, opere realizzate su terreni demaniali a concessione scaduta, spiagge libere allungate artificialmente per avere più spazio per ombrelloni e lettini, abusi nella riserva naturale del Litorale e scarichi di liquame tra le dune: un’infilata di scempi lunga 12.921 metri che dovrebbe fruttare circa 3,5 milioni di euro all’anno a Stato e Regione tra canoni demaniali marittimi e imposte. Il condizionale è d’obbligo: la procura della Corte dei conti ha infatti messo nel mirino ormai da mesi decine di concessione. Morosità, concessioni a prezzi stracciati e intere porzioni di litorale in passato affidate sine titulo compongono infatti un altro lungo capitolo del pasticciaccio del lungomare. Una storia da riscrivere a partire dalla nuova stagione balneare: i bagnini del municipio X – presto si aprirà una nuova selezione, solo in caso di emergenza si ricorrerà alla chiamata diretta – entreranno anche nella porzione di spiaggia libera prima intestata all’ex presidente del Porto turistico Mauro Balini (poi finito in manette).

email


Leggi anche…