Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Roma e Lazio, rogo continuo. Zingaretti lancia l’allarme incendi aumentati del 400%

pontina-incendio-640x360Il primo allarme per un incendio di sterpaglie nel quartiere della Cecchignola era scattato questa mattina alle 11. Subito sono scattate le operazioni di intervento tra via Prato Smeraldo e via Pio Emauelli ma il vento ha spinto i focolai che sono arrivati fino a via dell’Acqua Acetosa Ostiense e poi sulla via Laurentina chiusa dalle 17. La densa nuvola di fumo e le fiamme che lambiscono la strada hanno reso pericolosa la circolazione. Dunque, il traffico è stato deviato verso le strade interne mentre le autobotti dei pompieri lavorano senza sosta ormai da diverse ore nel quadrante sud della città. Evacuato anche il comando dei vigili urbani di zona che si trova proprio tra via dell’Acqua Acetosa Ostiense e via Laurentina: il fumo ha avvolto l’intera struttura. Paura per il supermercato e un autodemolitore che si trovano poco distanti dalle fiamme. A chiamare i soccorsi sono stati i lavoratori preoccupati per l’avvicinarsi del fuoco. Sul posto sono a lavoro anche i volontari della protezione Civile e le pattuglie dei caschi bianchi che stanno invece coordinando le deviazioni del traffico .

Zingaretti ai prefetti: “Incendi aumentati del 400%”. È stata dunque una giornata comunque difficile sul fronte incendi anche nella Capitale e sul suo litorale come in altre zone della provincia. L’ennesima. Tanto che il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, in una lettera inviata ai prefetti della Regione, ha scritto che si “evidenzia una preoccupante ed esponenziale recrudescenza degli incendi boschivi. I dati evidenziano un incremento, rispetto a 2015 e 2016, che in alcuni casi è superiore al 400%. Il fattore climatico, caratterizzato da una straordinaria siccità che ha indotto questa Amministrazione a dichiarare lo stato di calamità naturale, non è di per sé sufficiente a giustificare un andamento chiaramente anomalo dei fenomeni”.

Roma e Latina le province più colpite : Le due città nel 2017 hanmo avuto un aumento di circa il 400 per cento rispetto agli anni precedenti, infatti secondo il report inviato dal presidente della Regione ai prefetti.
La Provincia di Roma è passata dai 319 casi del 2016 ai 968 del 2017, con 158 roghi registrati solo nei primi cinque giorni del mese di luglio. La Provincia di Latina, invece, è passata dai 129 casi dello scorso anno ai 343 del 2017. Aumento generalizzato anche nelle altre province della regione Lazio: triplicati i roghi a Frosinone, Rieti e Viterbo.

Ostia. Resta alta l’allerta anche nella pineta di Ostia dove le fiamme sono divampate nel pomeriggio. Una nuvola di fumo nero è visibile dalla spiaggia. Si tratta del secondo incendio della settimana.

Maccarese. Intanto alle 16.30 è ripresa la circolazione del traffico ferroviario sospeso alle 13.50 fra Maccarese-Fregene e Ladispoli-Cerveteri (linea FL5, Roma – Civitavecchia) sempre per un incendio divampato nei pressi dei binari.

Fiumicino. La notte scorsa è stata impegnativa per la protezione di civile di Fiumicino al lavoro per domare dapprima un incendio che colpito un esteso canneto non lontano dalla stazione di Palidoro, evitando che le fiamme si avvicinassero a delle abitazioni. Successivamente, allertati intorno alla mezzanotte dallo stesso sindaco Esterino Montino che transitava sull’autostrada Roma-Fiumicino, la protezione civile è intervenuta per spegnere un rogo dietro il centro commerciale Da Vinci.

Circeo. Incendi hanno interessato parte del Parco Nazionale del Circeo e sono esplosi anche a Sabaudia. Attorno alle ore 18 le fiamme sono state appiccate nella pineta in località Sacramento, a ridosso della duna, in un’area umida di altissimo valore e a due passi dalla spiaggia. Un luogo di difficile accesso, che sta rendendo difficoltose le operazioni di spegnimento a vigili del fuoco e volontari dell’Anc Sabaudia. Sul posto sta intervenendo anche un mezzo aereo e sono presenti le pattuglie della polizia locale e dei carabinieri forestali. Il rogo sta tra l’altro creando apprensione in spiaggia, gremita di bagnanti e a più riprese, in base al vento, invasa dal fumo acre. Poco dopo le 18.30 inoltre un altro incendio, sempre all’interno del Parco e vicino al mare, è divampato nella boscaglia in località Bufalara, nella zona nota come quella della strada interrotta, dove gli accessi sono ugualmente particolarmente difficili.

Alatri. Da oltre 24 ore, un vasto incendio sta tenendo con il fiato sospeso gli abitanti di Alatri, della frazione di Tecchiena della zona di Monte Reo. Le fiamme hanno incenerito ettari di sterpaglie e macchia mediterranea e sono arrivate a lambire le case dopo aver incenerito strutture in legno e fienili. Al lavoro ci sono anche due canadair e un elicottero oltre ai vigili del fuoco e ai volontari di protezione civile.

Un vigile del fuoco discontinuo in servizio presso il distaccamento di Civita Castellana, in provincia di Viterbo, è deceduto mentre la sua squadra stava lavorando per domare un incendio di sterpaglie non molto distante dal distaccamento. Il pompiere aveva 39 anni, e da poco prestava servizio discontinuo nei vigili dle fuoco. Era di supporto alla squadra impegnata nello spegnimento di un rogo quando ha accusato un malore. Immediatamente elitrasportato in ospedale a Civita Castellana è deceduto nel tardo pomeriggio

email


Leggi anche…