Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Sorpresa, il business migranti ormai non tira quasi più

La Prefettura non riesce a trovare un centro di accoglienza che arrivi a contenere fino a 300 rifugiati richiedenti asilo, i bandi vanno deserti

migranti_romaC’è qualcosa che non va, i migranti non sono più un business sicuro? La corsa ad accaparrarseli ha perso vigore, il prodotto non ha più mercato? Il fatto è che la Prefettura non riesce a trovare un centro di accoglienza che arrivi a contenere fino a 300 rifugiati richiedenti asilo. E’ l’ultima richiesta di Palazzo Valentini con una manifestazione di interesse pubblicata il 1 luglio. Servono posti per ospitare i migranti nel bel mezzo dell’emergenza sbarchi, ma la ricerca è più difficile del previsto. Il vento è cambiato, evidentemente, gli ultimi tre bandi sono andati praticamente deserti. Quello di novembre 2016, di febbraio 2017, di maggio 2017. Sarà la crisi generale attraversata dal Terzo settore dopo Mafia Capitale, sarà il timore di ritrovarsi nel mezzo a tensioni sociali che sempre più colpiscono i quadranti dove aprono nuove strutture. IL risultato è che nel momento in cui migliaia di aspiranti profughi premono sulle nostre coste, i centri di prima accoglienza scoppiano e la capitale fatica ad ingoiare nuovi arrivi. “Il totale dei posti offerti è stato inferiore alle effettive necessità” spiega la Prefettura nell’ultimo avviso pubblicato sul sito internet. I centri già presenti sono saturi e servono rinforzi. Centinaia di rifugiati arriveranno nella Capitale. Da qui l’urgenza di trovare un maxi hub. Le offerte dovranno pervenire entro il 13 luglio. Sperando che non si ripeta lo stesso copione. Praticament e deserti sono andati anche i bandi comunali per il reperimento di nuovi centri al di fuori del circuito Sprar (Sistema di Protezione Rifugiati e Richiedenti Asilo). In risposta all’ultima gara indetta dal Comune a fine dicembre per un totale di 390 posti letto sono arrivate offerte solo per i primi tre lotti, 210 posti per soli uomini adulti. Niente invece per gli altri tre lotti dedicati all’accoglienza di donne e minori. I fondi rimasti (745mila 752 euro) sono stati rimessi a gara. E adesso cosa succede?

email


Leggi anche…