Summer of Love Party con Sara Iannone, tra archeologia e natura - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Summer of Love Party con Sara Iannone, tra archeologia e natura

Lunedì 17 Luglio nell suggestivo Parco degli Ulivi con Elena Russo, Lando Buzzanca, Sandra Milo, Franco Oppini, Ada Adalberti, Lino Patruno e molti altri.

summer_saraiannineMusica anni ‘70, fiori meravigliosi e abiti suggestivi in pieno stile Hippy, sono gli ingredienti base del nuovo evento romano firmato Sara Iannone, il Summer of Love Party, organizzato per lunedì 17 luglio Al 683 (in via Salaria 683), a partire dalle ore 21,00 nello splendido Parco degli Ulivi, all’ombra della suggestiva torre medievale e tra le rovine di un sepolcro romano, noto come la tomba di Caio Mario.

Una festa all’insegna del colore e dell’allegria, ispirata agli anni della grande rivoluzione culturale che, dall’America all’Italia, ha messo le basi per le nuove sensibilità sociali e culturali, da quelle per l’ambiente al valore della pace, passando per l’emancipazione femminile e il diritto all’amore per tutti. Un fermento nel cuore dei giovani che li spingeva a lottare per cambiare il mondo, per rendere migliore il proprio futuro e quello dei loro figli. “Una voglia di cambiamento e di impegno sociale che al di là delle visioni politiche di ciascuno – dichiara Sara Iannone – sarebbe bello se pervadessero anche gli animi delle giovani generazioni di oggi.”.

A cinquant’anni dalla Summer of love del 1967 che radunò oltre 75.000 persone nel quartiere Haight-Ashbury di San Francisco, con la musica dal vivo di Reo Confesso, gli oltre centocinquanta selezionatissimi ospiti balleranno sulle note indimenticabili che hanno scandito gli anni ’60 e ’70, dall’emblematica “All we need is love” dei Beatles alle nostre “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” di Gianni Morandi, “Mettete i fiori nei vostri cannoni” dei Giganti, “Io vagabondo” o “Dio è morto” dei Nomadi…

Imperdibile poi il momento magico in cui alcuni ospiti, “armati” di chitarra, si raccoglieranno tutti lungo i gradoni intorno all’anfiteatro per suonare e cantare insieme quei brani più noti che oltre ad interpretare lo spirito di quella storica estate californiana del ‘67, ci sono rimasti nel cuore come colonne sonore delle nostre vite.

Durante la serata, una giuria segreta sceglierà tra le signore la mise più espressiva del mondo hippy ed eleggerà la Figlia dei fiori 2017.

Ci saranno anche splendidi omaggi offerti da Abitart a sorprendere le gentili ospiti e, inoltre, sarà possibile farsi realizzare fantastici e coloratissimi make-up dagli dagli allievi dell’Accademia di Viviana Ramasotto. Ad aggiungere un tocco di colore alla serata la nuova collezione di borse della stilista Zina Ben Salem.

Ai piedi della meravigliosa torre medievale che troneggia sugli splendidi giardini, sarà allestito un gustosissimo e ricco buffet, con piatti ricercati e golosi, rigorosamente estivi e mediterranei.

Colpo scenografico finale sarà una magnifica torta decorata – e non poteva essere altrimenti – con il segno della pace.

Nella fantastica location di Gianni Grappelli, tra gli illustri ospiti sono attesi: il marchese Giuseppe Ferrajoli, il principe Guglielmo Marconi Giovannelli con la consorte Vittoria, il conte Orazio de Lellis neoeletto presidente del Rotary Club Nord-Ovest, il barone Fabrizio Mechi de Salle, Alessandro D’Orazio e Laura Nuccetelli, Emma Rossi Bernardi, Nadia Bengala, Demetra Hampton, Metis Di Meo, Antonio Zechila, Andrea Roncato, Adriana Russo, Vincenzo Bocciarelli, Irene Bozzi, Floriana Rignanese, Luigi Bruno, il duca Antonino Orioles d’Este, Eleonora Vallone, Carolina Rey, Emanuela Tittocchia, Lando Buzzanca, Amedeo Goria, Elea Russo, Laura Comi, Camilla Nata, Franco Oppini, Lino Patruno, Ada Adalberti…

ASCOLTA L’INTERVISTA A SARA IANNONE


email


Leggi anche…




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *