ON THE STAGE - Il "Motore di Vita" di Mario Venuti: Vi racconto il mio lato terreno e sensuale - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

ON THE STAGE – Il “Motore di Vita” di Mario Venuti: Vi racconto il mio lato terreno e sensuale

mario_venutiUn successo dopo l’altro per Mario Venuti. Dopo il successo di “Caduto dalle Stelle”, il cantautore catanese doppia le classifiche radio con “TUTTO QUESTO MARE” il nuovo singolo estratto dal suo ultimo disco di inediti “MOTORE DI VITA”. Un brano divertente anche nel video del girato da Salvo Nicolosi e visibile su youtube.

Mario Venuti sul palcoscenico radiofonico di ON THE STAGE racconta che «I 5 protagonisti del videoclip partono per un viaggio e si ritrovano al centro di dinamiche amorose incrociate. Il video è stato realizzato da Ground’s Orange (arance di terra), un collettivo di giovani videomakers siciliani che si sta affermando con stile sulla scena nazionale».

“MOTORE DI VITA” (Microclima-Puntoeacapo/Believe Digital) è un album composto da 12 tracce, prodotto artisticamente da Mario Venuti insieme a Seba. Il disco vanta anche la collaborazione artistica di Kaballà e la presenza del batterista jazz e arrangiatore ritmico Luca Scorziello, che ha curato le percussioni del brano “Caduto dalle stelle”, scritto da Venuti e Kaballà e attualmente in rotazione radiofonica!

«Abbandonati i temi sociologici de “Il tramonto dell’Occidente”, sentivo il bisogno di riscoprire il mio lato più terreno e sensuale – così Mario Venuti racconta il nuovo album – MOTORE DI VITA riguarda il corpo, che si riscopre nella danza (“Caduto dalle stelle”) e nei sapori (“Conservare in luogo fresco”), nella percezione della musica e dell’amore (“Lasciati amare”), nelle meraviglie del viaggio e del creato (“Tutto questo mare”), nella consapevolezza che ognuno di noi ha il potere di dare un carattere al mondo (“Spirito del mondo”). Tutto il disco emana un umore disteso e positivo, senza dare spazio a forme di autocommiserazione, al contrario, suona come un ripetuto GRAZIE per gli immensi doni che la vita può donarci».

(Fabrizio Silvestri)

ASCOLTA L’INTERVISTA


email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login