CALCIOMERCATO - Schick è della Roma, ansia a Napoli per Reina - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

CALCIOMERCATO – Schick è della Roma, ansia a Napoli per Reina

howedes-28.8.2017A poco più di tre giorni dalla chiusura, il calciomercato è sempre più rovente ed emette le prime sentenze. La telenovela Patrik Schick è giunta oggi all’epilogo. Il 21enne ceco sta arrivando nella capitale. Domani svolgerà i consueti test: in caso di ok dei medici diventerà ufficialmente un giocatore della Roma. Comprato la scorsa estate dalla Sampdoria per circa 4 milioni e mezzo, dopo esser stato a un passo dalla Juve (che lo aveva «bocciato» due mesi fa dopo le visite mediche non superate) e dopo diversi flirt, con Inter, Psg, Monaco e Napoli, Schick sbarcherà alla corte di Eusebio Di Francesco per una cifra complessiva pari a circa 42 milioni di euro. Un importo rilevante, che farà del giocatore l’acquisto più oneroso della storia del club giallorosso (superati i circa 75 miliardi di lire pagati nel 2000 per Batistuta). Alla Samp andranno subito 6 milioni, per il prestito di Schick; a seguire Ferrero incasserà circa 34 milioni in quattro anni per il riscatto (obbligatorio) del ceco; infine dovrebbero esserci anche 2 milioni di bonus. Per il calciatore invece sarebbe pronto un contratto quinquennale da circa 2 milioni e mezzo a stagione. Mentre tantissimi tifosi giallorossi, fra Fiumicino e Trigoria, si apprestano ad abbracciare Schick, a Napoli in tanti, tantissimi, sono in ansia per capire il destino di Pepe Reina. Il portiere spagnolo ha lasciato ieri sera il San Paolo visibilmente commosso per i tanti attestati di stima e affetto ricevuti.

Sul numero uno azzurro, da giorni, c’è il Psg. Da una parte, le sirene francesi «premono»: a Reina, che da tempo attende notizie da De Laurentiis sul suo contratto, in scadenza nel 2018, i parigini avrebbero offerto un biennale (con prelazione anche per il terzo anno) da 3 milioni e mezzo a stagione. Dall’altro lato, la grande manifestazione dello stadio partenopeo di ieri e il «patto» siglato da tutti i calciatori azzurri questa estate potrebbero però avere la meglio e convincere lo spagnolo a restare al Napoli, almeno per questo campionato. In caso di addio, che ora dopo ora però sembra «scongiurato», il club campano si muoverebbe verso Rulli o Mignolet. Sono ore decisive, comunque, in tutte le piazze. Alla Juve si lavora per chiudere a breve l’operazione Howedes, ormai vicinissimo, e si attendono sviluppi da Bergamo, dove Spinazzola ha detto chiaramente «farò di tutto per tornare da subito in bianconero». In casa Milan c’è stato un incontro importante con gli agenti di Suso: in fase di studio il rinnovo contrattuale. A ruota si cerca di «piazzare» qualche esubero, tipo Gustavo Gomez, che stenta però ad accordarsi col Fenerbahce, e Sosa, in trattative da giorni col Trabzonspor. Dal Torino, sulle tracce di Burdisso, si allontana Emre Mor (adesso vicino al Celta Vigo), mentre resta sempre in piedi il sogno Niang. Alla Lazio, con Morrison verso i messicani dell’Atlas, tiene banco il caso Keita, conteso da Juve, Inter e (notizie delle ultime ore) dal Monaco. Proprio nel Principato, dopo l’ormai imminente addio di Mbappè, sta arrivando dal club nerazzurro Jovetic per circa 11 milioni di euro. A Cagliari, dove si è presentato Van Der Wiel, si cerca sempre (in prestito) un attaccante: i nomi caldi sono Remy, Pavoletti e Tumminiello. Su quest’ultimo, però, c’è anche il forte interesse del Crotone. Infine, la Fiorentina ha acquistato Laurini; il Genoa è a un passo dal giovane Callegari del Psg; Memushaj è del Benevento; Matri tratta ancora col Parma; mentre la Samp pensa sempre a Duvan Zapata

email


Leggi anche…




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *