Riabilitazione, la Regione rimanda alla prossima estate la questione-tariffe - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Riabilitazione, la Regione rimanda alla prossima estate la questione-tariffe

riabilitazioneSi è svolta ieri mattina una riunione, presso la sede della Regione Lazio, tra l’amministrazione regionale e le associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore sanitario – FOAI, ARIS, AIOP, Legacoop, Confcooperative, Federazione Sanità Lazio, Federsolidarietà Lazio e Unindustria – per la ridefinizione delle tariffe per la riabilitazione territoriale intensiva, estensiva e di mantenimento rivolta a persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale. L’incontro si è svolto in un clima sereno e di piena collaborazione e in cui è stata stabilita la proroga dell’entrata in vigore delle nuove tariffe al 1° luglio del 2018, a dispetto di quanto precedentemente stabilito. Lo comunica una nota della Regione che – si legge – si è impegnata ad approfondire e rivedere criteri e costi utilizzati per la determinazione delle nuove tariffe, palesando una forte volontà di rideterminare le tariffe al fine di garantire standard di qualità elevati volti a soddisfare il fabbisogno della popolazione.Con questo obiettivo si è deciso anche di istituire da subito tavoli tecnici congiunti per migliorare l’offerta e la qualità delle prestazioni di riabilitazione territoriale. Gli incontri si svolgeranno fino al 30 giugno del prossimo anno.

In virtù della disponibilità dimostrata dall’amministrazione regionale le associazioni si sono impegnate a rinunciare ai contenzioni attualmente in essere e a non intraprenderne di nuovi. Quanto raggiunto oggi rappresenta un primo risultato, ma molto importante, frutto della volontà di questa amministrazione di individuare sempre le migliori soluzioni possibili.L’attenzione della Giunta Zingaretti nei riguardi delle persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale è sempre stata alta per evitare il rischio di produrre situazioni di disparità, emarginazione e difficoltà per i pazienti e le loro famiglie.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login