Cisterna di Latina, indagata Della Penna: carabinieri arrestano politici e imprenditori - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Cisterna di Latina, indagata Della Penna: carabinieri arrestano politici e imprenditori

Eleonora Della Penna, sindaca di Cisterna di Latina e presidentessa della Provincia di Latina

Eleonora Della Penna, sindaca di Cisterna di Latina e presidentessa della Provincia di Latina

L’operazione del comando provinciale di Latina ha portato all’arresto di 17 persone, colpite da ordinanza di custodia cautelare per associazione a delinquere, corruzione, turbata libertà degli incanti, concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità. Pilotavano gare d’appalto. Tra le persone coinvolte Gianfranco Buttarelli, assessore alla Mobilità del Comune di Latina. Arrestato il vice sindaco di Cisterna, mentre risulta indagata la sindaca e presidentessa della Provincia di Latina. Le indagini sono partite due anni fa e sono ancora in corso

 

Dall’alba di oggi è partita un’operazione dei carabinieri del comando provinciale di Latina a Cisterna di Latina che ha portato, finora, all’arresto di 17 persone, colpite da ordinanza di custodia cautelare in quanto ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, turbata libertà degli incanti, concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità. I provvedimenti sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari di Latina su richiesta della locale procura della Repubblica, che ha coordinato l’attività investigativa dei carabinieri di Aprilia, durata circa due anni. Le indagini, fanno sapere i carabinieri, hanno portato alla luce una «diffusa corruzione, in cui alcuni amministratori, funzionari e imprenditori pilotavano gare d’appalto in materia di raccolta differenziata dei rifiuti, costruzione di edifici pubblici, esecuzione di lavori stradali, refezione scolastica e manutenzione del verde pubblico e dei cimiteri».

L’operazione denominata “Touchdown” dei Carabinieri del Comando provinciale di Latina al Comune di Cisterna ha condotto all’arresto del vice sindaco di Cisterna Alvaro Mastrantoni, degli assessori del Comune di Cisterna Danilo Martelli, Pierluigi Ianiri e dell’ex vicesindaco Marco Muzzupappa. Seconda misura cautelare per l’ex assessore di Anzio Patrizio Placidi e il dirigente di Anzio Walter Dell’Accio. Impossibile eseguire l’ordinanza nei confronti di un noto imprenditore di Cisterna che si trova fuori per affari. Coinvolti anche altri consiglieri comunali e dirigenti di Cisterna. Indagato anche il sindaco di Cisterna e presidente della Provincia di Latina, Eleonora Della Penna, alla quale non vengono fatte contestazioni relative a fatti penalmente rilevanti.

Il comandante dei Carabinieri di Latina Gabriele Vitagliano fa sapere che i territori nei quali si sarebbero consumate le ipotesi di reato  riguardano Anzio, Aprilia e Cisterna e che le indagini sono ancora in corso.

Coinvolto anche l’assessore al Governo del Territorio, Lavori Pubblici e Mobilità del Comune di Latina Gianfranco Buttarelli per il periodo in cui ha ricoperto il ruolo da dirigente nel comune di Cisterna. Per lui sarebbe scattata la custodia cautelare. Il Comune di Latina ha convocato un incontro politico straordinario con gli assessori della giunta e il capogruppo di maggioranza e, al termine dei lavori, ha diffuso un comunicato stampa. «Dopo avere ricevuto la notifica dell’adozione della misura cautelare degli arresti domiciliari in relazione a fatti riferibili alla funzione dirigenziale svolta presso il Comune di Cisterna e databili all’anno 2015 – si legge nella nota -, l’Assessore Gianfranco Buttarelli ha rassegnato le proprie dimissioni irrevocabili, ritenendo di dovere immediatamente rinunciare ad ogni carica e attività in seno alla Giunta. Il Sindaco ha preso atto delle dimissioni. La delega al Governo del Territorio, Lavori pubblici e Mobilità torna nelle mani del Primo Cittadino in attesa di nuova nomina». Il Sindaco di Latina ha commentato quanto accaduto: «Fermo restando le posizioni garantiste di questa amministrazione – ha dichiarato il Sindaco – ringrazio l’Assessore Buttarelli per l’impegno sostenuto e per la correttezza nell’atteggiamento assunto. Mi auguro che gli esiti delle indagini possano attestare la sua estraneità ai fatti ed esprimo piena fiducia nell’operato della magistratura».

Le 17 persone colpite da ordinanza cautelare sono responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, turbata libertà degli incanti, concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità. I provvedimenti sono stati emessi dal Giudice per le Indagini Preliminari di Latina su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha coordinato l’attività investigativa dei Carabinieri di Aprilia, durata circa due anni. «Le investigazioni – scrivono i Carabinieri in una nota stampa – hanno fatto luce su una gestione spregiudicata della cosa pubblica, permettendo di disvelare un contesto di diffusa corruzione, in cui alcuni amministratori, funzionari e imprenditori pilotavano gare d’appalto in materia di raccolta differenziata dei rifiuti, costruzione di edifici pubblici, esecuzione di lavori stradali, refezione scolastica e manutenzione del verde pubblico e dei cimiteri. L’attività di ricerca e di ulteriori verifiche procede tuttora a ritmo serrato».

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login