Endoscopia Digestiva all’avanguardia, gastroenterologa dell’Ifo parla a simposio Usa - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Endoscopia Digestiva all’avanguardia, gastroenterologa dell’Ifo parla a simposio Usa

Nuovo approccio tecnico –endoscopico nella diagnosi precoce e trattamento delle lesioni ad alto rischio del colon –retto

quodamcarloL’Ifo di Mostacciano, il più antico Irccs italiano, oggi diretto da Francesco Ripa di Meana continua a produrre ricerca di altissimo livello ed è all’avanguardia in diversi settori, ad esempio quello della Endoscopia Digestiva . Apprezzamenti in questa direzione vengono in questi giorni d’oltreoceano, dove viene molto apprezzato il contributo scientifico di una gastroenterologa dell’Ifo, Cinzia Quondarcarlo, impegnata dello studio di tecniche diagnostico terapeutiche delle lesioni precancerose del colon –retto. La Quondamcarlo, uno dei ricercatori più quotati della “scuderia” di Ripa di Meana, è statta invitata al Digestive Disease and Surgery Week 20018 Fort-Lauderle –Florida evento all’interno del quale si svolgeranno anche il 29thAnnual Jagelman /39th Annual Turnbull International Colorectal Disease Symposium and 7thAnnually Gastroenterology and Hepatology Symposium organizzato dalla Cliveland Clinic-Digestive Diseases and Surgery Institute di Fort-Lauderle con il coordinamento del Prof. Steven Wexner .

La ricercatrice dell’Istituto di Mostacciano e’ stata appunto invitata ad esporre i risultati della sua esperienza di un nuovo approccio tecnico –endoscopico nella diagnosi precoce ,trattamento e sorveglianza di lesioni mucose ad alto rischio di trasformazione in cancro del colon –retto. La diagnosi precoce , il trattamento tempestivo ed una stretta sorveglianza sono le armi vincenti per la lotta contro il cancro .Presso l’Istituto Tumori di Roma questo è l’obiettivo della UOSD di Endoscopia Digestiva dell’IFO-Regina –Elena . Tale percorso , nella pratica clinica, viene attuato attraverso la presa in carico dei pazienti dalla prima diagnosi di lesioni precancerose sino al momento in cui entrano in uno schema di sorveglianza endoscopica il cui timing viene programmato dai medici della UOSD e gestito da una esperta equipe di infermieri dedicati.

email


Leggi anche…