ROMA COLPO DA CHAMPIONS, CAGLIARI ORA RISCHIA - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

ROMA COLPO DA CHAMPIONS, CAGLIARI ORA RISCHIA

 La Roma rivede la porta della Champions League dopo l’uscita a testa alta di mercoledì scorso: vince a Cagliari con un gol di Under e si piazza in pole position per la corsa delle ultime due giornate con Lazio e Inter. Adesso agli uomini di Eusebio Di Francesco basterà un punto in due giornate per avere la certezza di tornare nell’Europa che conta. Per la squadra di casa è invece una sconfitta pesante: se il campionato finisse oggi i rossoblù sarebbero in B. Ma oggi la squadra di Lopez ha lasciato il campo tra gli applausi: il premio per una partita coraggiosa dall’inizio alla fine, con Farias e Sau che si sono mangiati clamorosamente i gol dell’1-1. Roma al massimo con il minimo. Di Francesco ha fatto riposare molti dei giocatori che hanno provato la rimonta con il Liverpool tenendo ritmi molto bassi sin dai primi minuti e badando solo al sodo. Il gol è arrivato quasi subito. Il resto è stato un muro contro cui il Cagliari ha sbattuto senza trovare il gol. In tribuna, ospiti del Cagliari, i genitori di Davide Astori: rossoblù e giallorosse sono state le prime maglie in serie A del difensore scomparso lo scorso marzo. Cagliari subito all’attacco con uno schieramento inedito: Ionita va dietro le punte nella zona di costruzione del gioco della Roma tra De Rossi e Gonalons. La Roma deve fare i conti con il forfait in riscaldamento di Manolas: esordio in A di Capradossi. Per il resto è turnover con Pellegrini, El Shaarawy, Schick in panchina e Under e Gerson larghi alle spalle di Dzeko. Tira due volte il Cagliari, disperato e rabbioso. Ma segna Under, liberato da Dzeko, con un colpo di precisione che carambola sul palo e finisce in rete. Il Cagliari che, per i risultati degli altri campi, per la prima volta è terzultimo, prova a tenere botta. Corre, aggredisce, fa perdere la misura alla manovra della Roma. E non ha fortuna quando Ionita al 35′ la mette in mezzo rasoterra e la palla, tra una carambola e l’altra (Pavoletti e Allison), non entra. Ripresa con due occasioni per Farias: clamorosa la seconda con il brasiliano che incespica al 10′ tutto solo davanti a Allison. Al 27′ l’episodio che urlare la Sardegna Arena: intervento da dietro di Florenzi su Farias lanciato verso la porta. Per l’arbitro non ci sono dubbi, niente Var: entrata sulla palla. Su liscio di Kolarov c’è anche una grande occasione per Sau al 39′: Alisson si supera. Inutile l’assalto finale cagliaritano, con tre punte e un trequartista.

email