Viteria in plastica: grandi soluzioni con materiali innovativi - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Viteria in plastica: grandi soluzioni con materiali innovativi

viti-in-plastica_O2Quando sentiamo parlare di viteria in plastica potremmo essere indotti a pensare che si tratti di materiali scadenti, che si rompono subito. Non è così, anzi, le viti in plastica rappresentano delle ottime soluzioni in campo elettronico e industriale proprio per le caratteristiche del materiale in cui sono fatte. Non è soggetta a ossidazione, non conduce elettricità: la viteria in plastica ha numerosi pregi e quindi applicazioni. Ecco allora alcune informazioni utili per conoscere caratteristiche e impiego.

Viteria in plastica: cosa bisogna sapere

Per capire bene il funzionamento della viteria in plastica bisogna avere delle informazioni di base. Ogni volta che sentiamo parlare di viti potremmo cadere nell’errore di pensare di conoscere ogni loro segreto e ogni loro utilizzo, eppure esiste un universo di viti, sia per quanto riguarda la forma, sia per quanto riguarda il materiale con cui sono fatte.

Ma veniamo alla forma. Non tutti sanno che della viteria in plastica fanno parte:

  • rondelle con misure standard;
  • rondelle con misure non standard;
  • rondelle di finitura, rondelle svasate,
  • rondelle a sella;
  • rondelle di isolamento;
  • rondelle esagonali;
  • boccole;
  • distanziali;
  • viti a testa cilindrica;
  • viti a testa cilindrica trasparenti;
  • viti a testa tonda con taglio cacciavite;
  • viti a testa svasata;
  • viti testa a fungo;
  • viti a testa cilindrica taglio a croce;
  • viti a testa svasata bombata;
  • viti s testa esagonale;
  • viti a testa esagonale con rondella e taglio a stella;
  • viti a testa alettata con rondella;
  • viti a testa quadrata;
  • viti con testa a brugola;
  • viti zigrinate taglio a cacciavite;
  • viti zigrinate;
  • viti zigrinate trasparenti;
  • viti autofilettate con testa cilindrica e taglio a croce;
  • dadi esagonali;
  • dadi esagonali trasparenti;
  • dadi flangiati;
  • dadi esagonali autobloccanti;
  • dadi godronati;
  • dadi zigrinati trasparenti;
  • dadi ciechi;
  • dadi a farfalla;
  • dadi flangiati a farfalla;
  • grani;
  • barre filettate;
  • copri viti con linguetta;
  • copri viti a brugola;
  • tappi coprivite a brugola;
  • tappi copririvetto;
  • tappi coprivite torx;
  • copri dadi esagonali;
  • tappi per dadi e bulloni con rondella;
  • copri dadi con protezione.

La lista è lunga e potrebbe diventare infinita se iniziamo a considerare che il mondo della viteria in plastica può essere realizzata anche con la stampa 3d, quindi può presentare un’infinita varietà di soluzioni.

Viteria in plastica: quali sono le applicazioni in campo pratico

Sono numerose le applicazioni della viteria in plastica, specialmente in campo elettronico e industriale.

Possiamo pensare, per esempio, all’industria automobilistica dove, anche se non si vedono, le viti in plastica sono molto usate, dal motore alla carrozzeria, per il fissaggio dei vari pezzi di ricambio come targhe o le varie parti che compongono lo chassis, madreviti per il fissaggio, ricambi per auto d’epoca e così via.

In campo elettronico vengono molto usate per le loro proprietà isolanti specialmente nel montaggio delle componenti come schede madre o per separare elementi che non possono toccarsi.

Nell’ambito dei macchinari industriali sono molto utili sempre per la loro non conducibilità e anche per il fatto che, essendo estremamente personalizzabili per via del fatto che possono essere stampate in 3d, possono essere fabbricate secondo le esigenze più varie.

email