Musica e Letteratura salgono sul palcoscenico radiofonico underground di On The Stage - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Musica e Letteratura salgono sul palcoscenico radiofonico underground di On The Stage

bertocchi“(Non)Essere” (LaPOP) il nuovo singolo de L’IPERURANIO, progetto cantautorale di Nicola Bertocchi. “(Non)Essere” è il primo estratto da “Postimpressionismo”, un album di dodici brani la cui uscita è prevista per i primi mesi del 2019. Il brano parla di quanto sia possibile tutto e il contrario di tutto, di quando ci si sente schiacciare dal peso di tutta questa incertezza e alla fine si reagisce al “nonsense” della vita con una grande risata.

«”(Non)Essere” – sottolinea L’IPERURANIO su palcoscenico di “On The Stage” – è il primo estratto del disco perché lo rappresenta appieno. È un pezzo centrale. Diretto. Il modo migliore per presentare “Postimpressionismo”. È il paradosso dell’esistenza che non ha paura di diventare pop». L’Iperuranio è il progetto cantautorale di un triestino classe ‘80, al secolo Nicola Bertocchi. Dopo un’adolescenza fatta di racconti, poemi e poesie, compra una chitarra, si fa prestare un manuale di accordi e da lì è un attimo scrivere le prime canzoni. Dopo un’effimera esperienza in una cover band, durante gli anni dell’università asseconda le proprie ispirazioni collezionando decine di pezzi. A metà degli anni Duemila inizia ad adottare lo pseudonimo L’Iperuranio, figlio della propria fascinazione liceale per Platone e per l’idea, per così dire platonica, che ormai non s’inventa niente, al massimo si possono “ricordare” e rielaborare in modo proprio, cose che già esistono. Fuori tempo massimo e, forse, nel momento giusto, un disco rimasto virtuale per troppo tempo è diventato un disco vero e proprio. Dodici canzoni. Il “best of” di un illustre sconosciuto.

veronica-vitale-agerolaVeronica Vitale feat The Mad Stuntman (protagonista delle classifiche mondiali nel 2013 con il film “Madagascar” ed il brano “I Like to Move it”) è la seconda ospite di Fabrizio Silvestri Dal disco “Inside the Outsider” (Dino Vitola Editore Srl) è uscito anche nell’edizione speciale con il libro omonimo. Il libro “Inside the outsider”, un avvincente diaro di bordo in cui trovare la mappa per raggiungere la nostra felicità, racconta la nascita dell’omonimo disco di matrice futurista e di produzione statunitense. L’album, infatti, racconta il viaggio dell’artista fino ai confini del mondo e l’incontro profondo con culture e popoli diversi, dal Mediterraneo al Pacifico e ritorno, su una tavolozza di sperimentazioni sonore che partono dal pop aprendosi poi a un mondo “liquido”. Il disco è stato prodotto negli Stati Uniti tra Cincinnati, Seattle e WA con la straordinaria partecipazione di Leon Hendrix, la stella del funk Bootsy William Collins, l’American Idol Jess Lamb, Stelvio Cipriani, The Mad Stuntman, Boyd Grafmyre, Joe Jackson, il sassofonista Marco Zurzolo, producer di Rihanna, Chew Fu e molti altri ancora. Veronica Vitale si afferma al grande pubblico dopo il trasferimento a Francoforte nel 2011 con l’album di debutto “Nel mio bosco Reale” ricevendo il riconoscimento di Artista Internazionale al Der Musikmesse International Press Award MIPA.Dopo un periodo di studi, concorsi e gavetta dal 2002 al 2008 in Italia (v.v Castrocaro Festival, Premio Mia Martini, vincitrice concorso “Fonopoli” indetto da Renato Zero) riceve il primo contratto discografico nel 2009 in Germania. Nel 2015 si trasferisce a Cincinnati, in Ohio, e nel frattempo a Port Townsend, Camano Island, riceve l’Endorsement artistico da Boyd Grafmyre, tour manager leggendario.Collabora con la vincitrice di American Idol Jess Lamb & The Factory producendo I brani “Lovers on the Run” e “Sweet Dreamer” aggiudicandosi il Cincinnati Entertainment Awards. Nel Novembre 2016 debutta sulle reti del network Fox News 19 & WTLW Channel 5 presentando il progetto worldwide “Inside The Outsider” Headline Artist della James Brown & Tony Wilson Band partecipa come unica italiana alle nomination della 36th edizione degli Awards della Musica di Chicago CMA accanto all’erede di James Brown, appunto – Young James Brown ritirando il premio “CMA – Chicago Music Award Life Time Achievement Entertainment 2017”.

flemakIl terzo ospite è un giovane rap romano Senk, all’anagrafe Giordano Flemac . L’esordio avviene con la canzone “Vorrei essere” un brano che racconta di un amore ‘malato’ tra un ragazzo ed una ragazza. Nella prima strofa, Lui si presenta al mondo come Il Sognatore e in generale, parla di terze persone che a detta sua, lo apprezzeranno solo quando, un giorno, Lui verrà a mancare. Il ritornello è una scossa elettrica che stravolge la traccia, il Sognatore parla alla sua Lei gridando al mondo intero che l’unica cosa che vorrebbe davvero nella vita, sia quella di essere la sua felicità. Nella seconda strofa, inizia la vera storia di loro due, qui Il Sognatore racconta il loro quotidiano, dalla cena passata insieme ad un ristorante, al tornare a casa ubriachi fino all’infarto che colpisce Lui (qui l’artista cita Carlo Verdone con la celebre frase “ne è valsa davvero la pena”, di uno storico film dell’attore romano). Nella terza ed ultima strofa, dopo il secondo ritornello, assistiamo alla morte di Senk. In questo caso Il Sognatore prima di passare a miglior vita, ci tiene a mandare un bacio ai suoi cari oltre che alla sua Lei. Prima dell’ultimo ritornello, la strofa si conclude, con un “Amen.”

cervellioneIn chiusura di puntata Fabrizio Silvestri ospita la giornalista Laura Cervellione volto noto di RaiNews 24 e scrittrice al suo primo romanzo dal titolo “L’inviata specialissima”

Storia di una giovane cronista alle prese con il “lavoro flessibile” senza stipendio – in altre parole disoccupata – che per sopravvivere nella giungla del pre-precariato come dice l’autrice scegli di inventarsi una missione speciale per riuscire a guadagnarti il sacro traguardo dell’Assunzione. Lisa, ventinovenne Roma è una ragazza carina e sicura, come il 99% degli italiani. Afferra l’occasione del precariato, un impiego come stagista per una tv privata. Davanti all’ennesimo schiaffo professionale, però, deciderà di autofinanziarsi con i suoi risicatissimi fondi una trasferta a Parigi, per rimediare lo scoop che porrà fine alla sua lunga era di pre-precariato. Un fuori programma on the road, che si evolverà in un garbuglio di vicende surreali in luoghi non esattamente normali. Intanto, a fronte del silenzio ostinato del suo ex, su WhatsApp si fanno sempre più insistenti le notifiche di un certo Alexander. Proprio nel momento in cui nel capitolo sentimenti sembrava già scritta l’ultima parola.

(a cura di Fabrizio Silvestri)


email