Detenuti al lavoro a Torre Spaccata, Corviale, Quartaccio e Aurelio - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Detenuti al lavoro a Torre Spaccata, Corviale, Quartaccio e Aurelio

raggi_detenutiSono iniziati questa mattina a Torre Spaccata i primi lavori di manutenzione dei detenuti asfaltatori di Rebibbia per le strade di Roma. Muniti di appositi canal-jet e sotto il controllo degli agenti di polizia penitenziaria, 30 detenuti selezionati e formati da Autostrade per l’Italia, con tanto di attestato professionale per operare in qualità di asfaltatori e manutentori di strade, si sono ritrovati alle 9 in Via Mario Lizzani, angolo Via di Torre Spaccata, Sono iniziati questa mattina a Roma, alla presenza della sindaca Virginia Raggi e del Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini

Venticinque gli interventi di manutenzione previsti, con i quali saranno pulite le caditoie del tratto di strada in questione, fra Viale dei Romanisti e Via Luigi Ferretti, nel VI Municipio. Si tratta del primo di dieci interventi di pubblica utilità che saranno svolti nell’ambito del protocollo d’intesa tra Roma Capitale, Dap e Società Autostrade, firmato il 7 agosto scorso con il nome «Mi riscatto per Roma», allo scopo di promuovere e favorire i lavori di pubblica utilità previsti dall’art. 20 ter dell’Ordinamento Penitenziario. I successivi lavori saranno realizzati entro metà febbraio e riguarderanno altre strade di Torre Spaccata,  Corviale, Quartaccio e Aurelio. Dopo il successo dell’esperimento romano, il modello è stato replicato dal Dap in altre città metropolitane, con la sottoscrizione di analoghi protocolli d’intesa

A supportare i detenuti di Rebibbia, il personale di Autostrade per l’Italia Spa con cui il Campidoglio nei mesi scorsi ha firmato una sottoscrizione di intenti. La concessionaria autostradale ha formato i detenuti per un periodo di tre mesi, fornendo l’equipaggiamento e la strumentazione necessaria per realizzare le attività su strada. «Il lavoro sta andando bene – ha spiegato Raggi -. Il successo di questa attività è da un lato per i ragazzi che possono uscire dal carcere e fare un’attività che li aiuta a rimettersi un pò in moto, imparano un mestiere che quando ritorneranno in società li aiuterà a non perdersi di nuovo, inoltre abbiamo un valido supporto alla manutenzione ordinaria della nostra città. A Roma solo le caditoie sono 800 mila, quindi, oltre agli appalti in corso aiuta avere un supporto come questo».

I prossimi interventi saranno nei municipi XI e XII ma «tutti i Municipi hanno fatto molte richieste quindi a ciclo si andrà da tutte le parti», ha concluso Raggi. «Non è solo una sfida ma anche un giusto investimento che bisogna fare per migliorare le loro condizioni di vita e fare quel famoso reinserimento sociale che finora è rimasta una missione un pò incompiuta – ha continuato Francesco Basentini, capo del Dap -. Questi detenuti da mandare in strada sono stati profilati e scelti in base a una classificazione degli indici di pericolosità e a un residuo di pena bassi». «Le squadre stanno lavorando molto bene – ha detto Francesco Delzio, direttore relazioni esterne, affari istituzionali di Autostrade per l’Italia Spa -. Si tratta di un’iniziativa dall’alto valore simbolico ma anche con una ricaduta positiva per la città. È un piccolo contributo operativo per una città molto grande e critica nei suo problemi. Ma è un segnale che crea cemento sociale e dunque è un’operazione di cui siamo molto orgogliosi».

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login