Buche, boom di incidenti: in un mese e mezzo 700 richieste di danni - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Buche, boom di incidenti: in un mese e mezzo 700 richieste di danni

bucheSettecento richieste di risarcimento in meno di un mese e mezzo, più di 17 al giorno. Se il buongiorno si vede dal mattino nel 2019 il “conto” dei risarcimenti per le buche – e in particolare per i danni causati a macchine e mezzi a due ruote dei romani dalle pessime condizioni del manto stradale della Capitale – potrebbe essere ancora più salato del solito. Andando a pesare ancora di più sulle casse di Assicurazioni di Roma, la mutua del Campidoglio che ha l’ingrato compito di accollarsi i risarcimenti dovuti dall’amministrazione comunale in queste situazioni. Adir, peraltro, ad aprile dovrà rinnovare il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale, in scadenza.

La spesa dei rimborsi erogata da Assicurazioni Roma per conto del Campidoglio nel 2017 aveva raggiunto i sette milioni di euro – quasi il 40 per cento del premio annuale (17 milioni e mezzo) versato da Palazzo Senatorio per tante altre voci nella polizza “All inclusive” – per poi quasi raddoppiare nel 2018, dove si è arrivati a una stima di 13 milioni da risarcire per circa 4.500 sinistri. Quest’anno, poi, si è partiti ancora peggio: se venisse confermata la media dei primi 40 giorni, il numero di contenziosi arriverebbe a toccare quota seimila, con una nuova impennata dei potenziali risarcimenti. A tirare su la media è stata soprattutto l’ondata di maltempo abbattutasi sulla Capitale tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, che ha ulteriormente peggiorato la situazione dei 5.500 chilometri di strade della Città eterna: in appena tre giorni i danneggiamenti denunciati da cittadini hanno sfiorato quota 150, tra cause civili e azioni stragiudiziali. A rivolgersi al Comune per i danni subiti sono in gran parte persone che sono cadute mentre passeggiavano o guidavano il motorino dentro un buca, che sono finite in terra per i dossi causati dalle radici degli alberi o, più in generale, che sono rimaste ferite o contuse a causa dello sfaldamento del manto stradale. Senza contare i casi, sempre più frequenti, di vetture danneggiate da rami e tronchi di alberi caduti a causa di pioggia, vento e mancata manutenzione. Sull’emergenza buche, il Codacons ha deciso di avviare una class action – la prima di questo genere – e finora ha messo insieme oltre 900 richieste di rimborso, più altri 80 tra conducenti e pedoni che hanno scelto di rivolgersi al Tribunale civile. Il Campidoglio cerca di difendersi come possibile: nella memoria presentata ai giudici della class action ha scritto, tramite l’Avvocatura, che «la presenza sulle strade pubbliche di sconnessioni e altre irregolarità non costituisce un evento straordinario ma rappresenta, al contrario, una comune esperienza». E proprio per questo «deve essere tenuta ben presente dagli utenti della strada, i quali hanno l’obbligo di comportarsi diligentemente per evitare pericoli». Ma le buche potrebbero diventare un grosso problema anche per il bilancio comunale.

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login