SE DEVI DIRE UNA BUGIA È MEGLIO DIRLA GROSSA - Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

SE DEVI DIRE UNA BUGIA È MEGLIO DIRLA GROSSA

bugiaSi è concluso, domenica 3 marzo, il divertente spettacolo dal titolo “Se devi dire una bugia è meglio dirla grossa”, andato in scena al Teatro 7 di Roma e che ha riscosso molto successo.

La divertente commedia è stata interpretata da Matteo Vacca (che ha curato anche la Regia), Marco Morandi, Maurizio Di Carmine, Ketty Roselli, Veronica Pinelli, Giancarlo Porcari, Valeria Sandulli ed Annalisa Amodio. Una rappresentazione ricca di ironia che coinvolge il pubblico dalla prima all’ultima battuta e che, anche in questa veste ha lasciato il segno. La storia scritta da Ray Cooney, ha avuto rappresentazioni in tutto il mondo, giungendo addirittura a vincere il prestigioso Premio Lawrence Olivier a Londra.

La trama, di grande attualità, fa riflettere su quelli che da sempre sono gli intrighi degli uomini politici e le loro “scappatelle amorose”: invece di presenziare al Consiglio dei Ministri, l’On. De Mitri (Lega), Viceministro del Governo in carica, sta per passare la notte con la sua amante, l’addetta all’ufficio stampa di Matteo Renzi (PD), all’interno della bellissima suite 648 dell’Hotel Palace.

Purtroppo, tutto sembra remare contro i due moderni Romeo e Giulietta. Un uomo, apparentemente morto, appare dietro la grande finestra della stanza. Lo scandalo sta per scoppiare ma l’Onorevole De Mitri riversa sul suo fedele portaborse, ogni si trova genere di assurda idea, pur di uscirne pulito. Il povero giovane si trova ad affrontare situazioni incredibili dovendo scervellarsi per evitare di far finire in mezzo ai guai il suo capo oltreché sé stesso.

Un susseguirsi di bugie, gag, equivoci e tradimenti sono gli ingredienti di questa esilarante commedia che, questi bravissimi interpreti hanno saputo personalizzare con estrema maestria e vivacità.

Uno spettacolo sicuramente riuscito che ci auguriamo possa presto essere replicato e, per la serenità degli attori e dei lettori, quanto scritto non è una bugia né piccola né grossa ma la pura verità!

 

Stefano Boeris

email




Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login