Omicidio Eur, l'ipotesi: donna decapitata non dopo tentativo stupro | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Omicidio Eur, perde quota l’ipotesi stupro. In un sms la passione per i coltelli, domani le autopsie

omicidioIn un sms al datore di lavoro inviato il giorno prima di essere uccisa, la colf ucraina decapitata aveva segnalato che Federico Leonelli armeggiava spesso con coltelli come quelli per la caccia o la pesca subacquea. Gli inquirenti non escludono che possa essere stata proprio questa la causa scatenante della follia omicida dell’uomo, anche se non viene trascurata nessun altra pista. Il movente del delitto rimane, al momento, la priorità di chi indaga. Altre tracce ematiche, tuttora visibili lungo il corridoio, fanno ritenere che la donna sia stata poi trascinata all’interno della taverna. Conferme su questa ricostruzione sono attese dall’esame dei filmati delle telecamere presenti nelle adiacenze della villa. Gli accertamenti degli inquirenti coordinati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani puntano ora a stabilire il movente dell’omicidio della donna. Da approfondire, anche tramite testimonianze, se Leonelli avesse problemi psichici, specie dopo la morte della compagna.

Saranno effettuate probabilmente nella giornata di domani al policlinico Tor Vergata di Roma le autopsie di Federico Leonelli e Oksana Martseniuk, il killer 35enne e la cittadina ucraina 38enne uccisa e decapitata dall’uomo ieri in una villetta dell’Eur, a Roma. Secondo quanto si è appreso, i medici sono in attesa del conferimento dell’incarico da parte del magistrato che dovrebbe arrivare tra stasera e domani mattina.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login