Bilancio da approvare con lentezza: sulla delibera Ama l'ok solo oggi, saltano gli aumenti per i camion bar | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Bilancio da approvare con lentezza: saltano gli aumenti per camion bar, Tari ridotta dell’1.5%

. Intanto c'è stato un imprevisto nell'iter bilancio. Una 'svistà da parte della giunta, segnalata da alcuni consiglieri, che solo oggi ha dato un ok 'last minutè al piano finanziario Ama, collegato tra l'altro alla delibera sulla tassa dei rifiuti

– Saltano gli aumenti delle tariffe per i camion bar, previsti nel bilancio 2015. Per ora i ritocchi all’insù annunciati dal sindaco Ignazio Marino non ci saranno. La tassa sui rifiuti invece diminuisce dell’1,5%, segnando la prima riduzione negli ultimi 20 anni. Intanto i tempi per l’ok alla manovra in Aula sembrano allungarsi. La giunta capitolina ha deciso di stralciare, per approfondimenti, la delibera su Cosap e Osp da quelle propedeutiche da votare in assemblea capitolina. Era previsto un aumento per far arrivare la tassa per i camion bar a 30 euro al giorno – al momento è fissata a 10 euro, dopo gli aumenti scattati con la precedente manovra. «La delibera Cosap è stata stralciata dalle propedeutiche al bilancio e calendarizzata subito dopo il bilancio – spiega l’assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori – È arrivata una richiesta di approfondimento del provvedimento della zonizzazione perchè si erano verificati alcuni effetti distorsivi dall’incrocio tra tariffe e coefficienti». Oltre gli aumenti per i camion bar slitta il progetto ‘zonizzazionè, ovvero il piano per modulare la tassa tra zone di pregio e periferie. Ma anche un regolamento decoro più stringente per tavolini, che prevedeva sanzioni: non solo multe ma anche il rischio per i trasgressori di non ottenere il rilascio dell’occupazione del suolo pubblico per due anni successivi. «Non è uno slittamento. Semplicemente vogliamo uno studio scientifico che, attraverso una attribuzione di tariffe diverse a seconda dei valori commerciali delle aree dei municipi, non dia privilegi o svantaggi particolari a soggetti diversi» commenta il primo cittadino che annuncia anche l’eliminazione della tassa sui ponteggi nella stesura della nuova delibera. E mentre la maggioranza, dal Pd a Centro democratico, vedono di buon occhio lo stralcio della delibera Cosap – «è una saggia decisione», «era da correggere, c’era un saldo negativo delle tariffe rispetto al passato» chiosano alcuni consiglieri – Sinistra Ecologia e Libertà avverte: «Non è più tollerabile che resistenze impediscano l’aggiornamento delle tariffe» dice il capogruppo Gianluca Peciola. Confcommercio Roma invece chiede al Campidoglio di «accelerare i tempi». «Il ritiro della delibera non rappresenta una rinuncia all’obiettivo di rilanciare l’azione impositiva – spiega l’assessore Guido Improta – tant’è che ci impegniamo a completare l’istruttoria entro 30 giorni affinchè l’Aula possa poi esprimersi definitivamente su questo argomento». Per i romani arriva una buona notizia: la Tari sarà ridotta in media dell’1,5%. «Nonostante le difficoltà di bilancio – sottolinea l’assessore all’Ambiente Estella Marino – c’è un aumento dei costi perchè stiamo investendo nella differenziata ma iniziano a vedersi i frutti del lavoro di efficientamento dell’ultimo anno». Intanto c’è stato un imprevisto nell’iter bilancio. Una ‘svistà da parte della giunta, segnalata da alcuni consiglieri, che solo oggi ha dato un ok ‘last minutè al piano finanziario Ama, collegato tra l’altro alla delibera sulla tassa dei rifiuti. Ora la delibera propedeutica dovrà avere il disco verde da parte della commissione capitolina Bilancio – è stata calendarizzata in commissione per lunedì – per essere inserita all’ordine dei lavori del consiglio comunale. E probabilmente si dovranno riaprire anche i termini per la presentazione di emendamenti e ordini del giorno. E l’approvazione del bilancio 2015 in Aula slitta quasi sicuramente alla prossima settimana. Addio quindi alla ‘deadlinè fissata dal sindaco Marino che aveva chiesto alla sua maggioranza di dare il via libera alla manovra entro il 15 marzo.

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login