Consiglio regionale, primo incontro con l'agenzia nazionale giovani | Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio
Direttore responsabile Giovanni Tagliapietra

Consiglio regionale, primo incontro con l’agenzia nazionale giovani

«Il riconoscimento delle competenze che si acquisiscono attraverso percorsi di educazione non formale per sostenere l’occupazione giovanile. Questo uno dei principali obiettivi per i quali si è svolto oggi nella sala Tevere della Regione Lazio a Roma un primo incontro con l’Agenzia nazionale giovani (Ang), promosso dalla Commissione cultura e politiche giovanili del Consiglio regionale». Lo rende noto la Pisana. «L’educazione non formale – è spiegato – è quel tipo di apprendimento che avviene al di fuori dei canali tradizionali (come la scuola) e che mira comunque all’acquisizione delle competenze fondamentali. Una forma di educazione spesso alla ricerca di un riconoscimento in Italia e verso la quale il Lazio intende guardare. Un metodo che può consentire ai giovani, grazie alle esperienze che possono maturare in Italia e all’estero attraverso l’associazionismo, di presentare curriculum europei completi di quelle competenze che permettono loro di essere competitivi sul mercato del lavoro, come già accade ai coetanei di altri Paesi d’Europa. Hanno partecipato all’incontro Comuni, associazioni di promozione sociale e rappresentanti del volontariato. Una realtà che nel Lazio arriva a contare fino a 3 mila organizzazioni. Nel corso del seminario, intitolato ‘L’esperienza che forma al lavorò, si è parlato del programma comunitario ‘Gioventù in Azionè ed ‘Erasmus+:Youth (2014-2020)’. Al centro le esperienze supportate dai fondi europei e promosse dai giovani nel Lazio. Affrontati anche i temi della formazione al lavoro e del riconoscimento delle competenze acquisite dai ragazzi nelle associazioni che utilizzano metodi di educazione non formale».

email

Bisogna effettuare il login per inviare un commento Login